Me

Cosa è successo il 2 novembre nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

Immagine di copertina

– Russia: Mosca ha annunciato una nuova “pausa umanitaria” con interruzione dei bombardamenti su Aleppo per venerdì 4 novembre, dalle 9 alle 19. Un portavoce del Cremlino ha precisato che la pausa temporanea dai bombardamenti non potrà essere ulteriormente estesa se continueranno gli attacchi dei ribelli che controllano i quartieri orientali di Aleppo. 

– Stati Uniti: per la prima volta da maggio, Donald Trump in un sondaggio realizzato dall’emittente televisiva Abc in collaborazione con il Washington Post ha superato di un punto percentuale Hillary Clinton nelle intenzioni di voto degli elettori. Sebbene i risultati abbiano un margine di errore, secondo Abc il sorpasso segna un momento cruciale nella corsa alla Casa Bianca a meno di una settimana dal voto. Trump è dato al 46 per cento contro il 45 per cento di Clinton, che ha sofferto la nuova indagine dell’Fbi sullo scandalo delle email inviate con un server di posta privato e non con quello governativo quando era segretario di Stato. 

– Stati Uniti: due poliziotti sono stati uccisi a Des Moines, in Iowa, in due attacchi che secondo la polizia hanno le caratteristiche di un’imboscata. Il Dipartimento di polizia di Des Moines ha affermato in un comunicato che all’1:06 è arrivata una telefonata che segnalava una sparatoria in un sobborgo. Quando una volante è arrivata sul luogo ha trovato un primo agente seduto sul sedile della sua auto ucciso a colpi d’arma da fuoco. Circa venti minuti dopo è stato trovato un altro agente, gravemente ferito, anche lui all’interno della sua volante. 

– Venezuela: il parlamento venezuelano controllato dall’opposizione, ha sospeso l’avvio del procedimento di impeachment del presidente Nicolas Maduro, alla luce dei negoziati in programma la prossima settimana per tentare di allentare la tensione nel paese. Lo ha annunciato il presidente della Assemblea Nacional, Henry Ramos Allup, sottolineando che non si tratta di “una capitolazione” del parlamento ma del desiderio di trovare una soluzione alla crisi. 

– Cina: sono stati ritrovati tutti senza vita i 33 minatori rimasti intrappolati in una miniera di carbone a Chongqing, municipalità autonoma della Cina centro-meridionale, a causa dell’esplosione di gas. Le operazioni di soccorso si sono concluse e tutti i corpi delle vittime sono stati riportati in superficie. In uno dei pozzi della Jinshangou Coal Mine, dove stavano lavorando 35 minatori, si è verificata una forte esplosione legata con ogni probabilità all’accumulo di gas rilasciato dalle vene di carbone non trasportato via dai sistemi di ventilazione. I minatori lavoravano in condizioni di sfruttamento e i sistemi di areazione erano insufficienti e malfunzionanti. 

– Stati Uniti: all’età di tre anni, Bethany Thompson aveva subito un intervento chirurgico per rimuovere un tumore al cervello, che le aveva però danneggiato alcuni nervi facciali conferendole un’espressione particolare. Per questo era diventata oggetto di prese in giro da parte dei suoi compagni di scuola, spingendola a premere il grilletto e suicidarsi. La storia.

– Corea del Sud: la presidente sudcoreana Park Geun-hye ha varato un ampio rimpasto di governo designando Kim Byong-joon, ex segretario senior dell’amministrazione del presidente democratico Roh Moo-hyun, come nuovo primo ministro. L’opposizione ha criticato il rimpasto di governo voluto da Park, sostenendo che si tratta di una mossa della presidente, il cui gradimento tra gli elettori è crollato nei sondaggi al 14 per cento, per sviare l’attenzione dell’opinione pubblica dalla crisi politica.

– Malta: da due anni a questa parte, Malta “vende” il proprio passaporto in cambio di investimenti immobiliari sull’isola e di versamenti nelle casse del governo di La Valletta, senza nemmeno dover vivere sul territorio maltese. Si tratta del controverso Individual Investor Programme che gli altri paesi membri dell’Unione europea hanno aspramente criticato perché di fatto garantisce accesso all’intero blocco a persone abbastanza ricche da potersi permettere l’acquisto della cittadinanza maltese. Il programma prevede che il richiedente versi 650mila euro in un fondo nazionale per lo sviluppo e che acquisti 150mila euro di azioni o bond del governo maltese. 

– Iran: nell’ultima settimana, la Repubblica islamica dell’Iran è stata scossa da un caso che ha colpito profondamente l’opinione pubblica. Uno dei più influenti e celebri narratori di versi del Corano, Saeed Toosi, è stato travolto da pesanti accuse per abusi sessuali commessi su minori di 12 e 13 anni. A lanciarle sono state i familiari delle presunte vittime che si sono rivolte ai media stranieri – Voice of America e BBC Persian – svelando i cupi retroscena di una storia dai contorni ancora poco definiti. La vicenda sta scatenando stupore e soprattutto rabbia in tutto il paese.