Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutto quello che c'è da sapere per la giornata del 26 ottobre 2016

Immagine di copertina

Australia: la polizia australiana ha riferito di aver interrogato il tesoriere del Vaticano, l’australiano cardinale George Pell, in relazione ad alcune accuse di aggressione sessuale.

Francia: gli Stati Uniti hanno messo sul tavolo l’offensiva per espellere l’Isis dalla sua capitale de facto in Siria, Raqqa, suggerendo che potrebbe cominciare presto e sovrapporsi alla campagna per scacciare il sedicente Stato islamico da Mosul, la capitale irachena dell’autoproclamato califfato.

Stati Uniti: il candidato repubblicano alla presidenza americana Donald Trump, parlando della Siria, ha dichiarato che rimuovere Assad è secondario rispetto alla lotta all’Isis e ha detto che le scelte politiche della rivale Hillary Clinton nel paese mediorientale porterebbe alla terza guerra mondale. Intanto è stata diffusa la notizia secondo cui Colin Powell, ex segretario di Stato repubblicano, voterà per la democratica Clinton.

Australia: la scientifica australiana sta cercando di fare luce sull’incidente che ieri ha causato la morte di quattro persone su un’attrazione del parco divertimenti Dreamworld nella Gold Coast, Queensland. Secondo quanto si è appreso, le vittime sono rimaste intrappolate sotto il piccolo battello sul quale viaggiavano dopo che si è rovesciato.

Siria: secondo Amnesty International, la coalizione internazionale anti-Isis guidata dagli Stati Uniti non ha preso precauzioni sufficienti a evitare vittime civili in Siria e ha sottostimato l’impatto delle sue operazioni sulla popolazione siriana. Secondo il gruppo, sono 300 i civili che hanno perso la vita in 11 attacchi condotti dalla coalizione dal settembre del 2014 a oggi.

Hong Kong: prosegue il processo a un promotore finaziario britannico per aver torturato e ucciso due giovani donne indonesiane. Il 31enne Rurik Jutting ha filmato se stesso mentre brutalizzava una delle due vittime. Il video, della durata di 20 minuti, mostrato durante il processo ha lasciato sotto shock la giuria.

Gambia: dopo il Sudafrica, anche il Gambia ha annunciato che ritirerà la propria adesione al Tribunale penale internazionale perché ignora i crimini di guerra dei paesi occidentali per perseguire gli africani. Della stessa opinione anche Burundi e Kenya che potrebbero preso accodarsi e revocare l’adesione allo Statuto di Roma.

Canada: un’infermiera canadese di 49 anni che prestava servizio in due ospizi è stata accusata di aver ucciso otto persone tra i 75 e i 96 anni.

Venezuela: il parlamento venezuelano, controllato dall’opposizione, ha votato per avviare un processo contro il presidente Nicolas Maduro per aver violato la costituzione. Maduro accusa i deputati di voler mettere in atto un colpo di stato.

Turchia: la co-sindaca di Diyarbakir, una città a maggioranza curda nel sudest del paese, è stata arrestata nell’ambito di un’inchiesta sul terrorismo per presunti legami con il Pkk.

India: il primo ministro neozelandese John Key si recherà in visita in India per incontrare il primo ministro indiano Narendra Modi.

Giappone: il re di Giordania Abdullah II si recherà in visita in Giappine. In questi giorni nel paese anche il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte.

Belgio: tra oggi e domani si incontreranno i ministri della Difesa dei paesi membri della Nato a Bruxelles. L’Alleanza atlantica punta a rafforzare il fianco orientale per prepararsi a fronteggiare dispute con la Russia in un rinnovato clima da guerra fredda.

Kyrgyzstan: il governo si è dimesso a causa di una rottura all’interno della coalizione parlamentare.

Cina: la polizia ha confermato che l’incidente che ieri ha causato 14 vittime e oltre 140 feriti nel nordovest del paese è stato dovuto allo scoppio di alcuni esplosivi prodotti e conservati illegalmente.