Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Le nuove generazioni di donne bevono mediamente quanto gli uomini

Secondo uno studio appena pubblicato, il consumo medio di alcol tra le nuove generazioni ha portato a una parità tra uomini e donne che non si era mai verificata prima

Immagine di copertina

Secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista
scientifica BMJ Open a firma dei ricercatori del National Drug and Alcohol Research
Centre
dell’Università di New South Wales in Australia, le donne hanno ormai
raggiunto gli uomini nella quantità di alcol mediamente consumato.

I dati analizzati dagli autori della ricerca riguardano le
abitudini di uomini e donne relative all’alcol nel corso del tempo, dal 1891 al
2014, basandosi sui risultati di 68 studi internazionali riguardanti quattro
milioni di persone.

Storicamente, sono sempre stati gli uomini a bere più delle donne.
In particolare, gli uomini nati tra il 1891 e il 1910 sono bevevano mediamente
il doppio delle loro coetanee donne, e avevano tre volte più probabilità di
avere danni relativi al consumo eccessivo. Queste statistiche hanno però
raggiunto la parità quasi completa tra i nati tra il 1991 e il 2000, con le
donne ormai dedite quanto gli uomini all’alcol e a rischio quanto loro di
consumi non moderati.

Nello specifico, tra i giovani d’oggi gli uomini hanno solo
1,1 volte più probabilità rispetto alle donne di consumare alcol, 1,2 di abusarne
e 1,3 di avere danni fisici correlati all’alcol.

La variazione, secondo gli autori dello studio, è il
risultato di campagne di marketing rivolte a un pubblico femminile, alla realizzazione
di prodotti più dolci rivolti a giovani donne e all’abbassamento dei prezzi. “I
disturbi dovuti al consumo di alcol sono stati storicamente considerati un
fenomeno maschile. Questo studio mette in discussione quest’ipotesi e suggerisce
che le giovani donne in particolare dovrebbero essere oggetto di sforzi
concertati per ridurre l’impatto dell’uso di queste sostanze e gli effetti
nocivi ad esse connessi”, hanno scritto.

“Dal 1950 il consumo di alcol delle donne è
costantemente aumentato”, ha dichiarato Emily Robinson, direttore delle
campagne di prevenzione dell’associazione Alcohol Concern, “Bere a casa è
diventato sempre più frequente, e visto che l’alcol è così a buon mercato e
facilmente disponibile, è diventato un genere alimentari quotidiano. C’è anche
stato uno sforzo collettivo da parte dell’industria degli alcolici per
commercializzare prodotti e marchi specificamente per donne”.