Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Nuova incursione di al-Shabaab nel nord del Kenya

Un attacco attribuito ai miliziani islamisti somali a Mandera, nel nordest del paese, ha ucciso dodici persone

Immagine di copertina

Dodici persone sono state uccise nel corso di un attacco a Mandera, nel nordest del Kenya, attribuito ai miliziani islamisti somali di al-Shabaab. È accaduto nelle prime ore di martedì 25 ottobre 2016.

I media keniani hanno riferito che l’attacco è avvenuto in una guest house.

La regione di Mandera, che si trova a ridosso del confine della Somalia, è spesso teatro di incursioni da parte del gruppo estremista. Al-Shabaab ha infatti dichiarato che proseguirà la sua campagna di attacchi nel paese finché il governo keniano non ritirerà le sue truppe dalla Somalia. 

I soldati keniani sono impiegati nelle forze dell’Unione africana mandate a combattere i miliziani estremisti.

Gli attacchi in Kenya hanno causato centinaia di vittime negli ultimi tre anni e messo in difficoltà il turismo, settore vitale per l’economia del paese africano.

Le aggressioni si sono concentrate appunto nel nordest, lungo un esteso e poroso confine con la Somalia, ma il gruppo ha colpito anche aree costiere popolate di turisti e la capitale Nairobi, dove un uomo armato appartenente ad al-Shabaab aveva attaccato il centro commerciale Westgate nel 2013 uccidendo oltre 60 persone.