Me

Il ministro degli Esteri Boris Johnson ha parlato in italiano al parlamento britannico

Il ministro ha detto che gli italiani sono i benvenuti a Londra, prima di scusarsi per la sua poca padronanza della lingua e proseguire il resto del discorso in inglese

Immagine di copertina

L’ex sindaco di Londra e attuale ministro degli Esteri
britannico Boris Johnson, pur essendo stato uno dei più noti sostenitori della
Brexit e quindi della chiusura del Regno Unito agli altri stati europei, è noto per saper parlare diverse lingue, e ne ha dato dimostrazione ieri, martedì 18
ottobre, durante una seduta del parlamento.

Johnson ha infatti approfittato di una domanda rivoltagli in
aula da un parlamentare di origini italiane, Alberto Costa, che gli chiedeva
garanzie sul futuro degli immigrati del nostro paese in Gran Bretagna, per
fare sfoggio delle sue conoscenze, a dire la verità piuttosto limitate, della lingua italiana.

Il ministro ha esordito dicendo: “Tutti gli italiani sono i benvenuti a Londra”, prima di scusarsi per
la sua poca padronanza e proseguire il resto del discorso in inglese, non senza
aver suscitato diverse risate nell’aula per l’inaspettato cambio linguistico.

Anche se il suo goffo tentativo di parlare la nostra
lingua è stato piuttosto breve, la risposta di Johnson dovrebbe rassicurare gli italiani presenti sul suolo britannico circa il loro diritto a
rimanere nel Regno Unito nonostante la Brexit.

“Tutti i cittadini degli stati membri dell’Unione europea
possono avere la certezza che il loro status qui sarà ovviamente protetto”,
ha detto Johnson, a patto che i cittadini britannici che vivono sul continente ricevano
lo stesso trattamento.

Questo il video del breve siparietto: