Me

L’Iraq lancia un’offensiva per liberare Mosul dall’Isis

Si tratta della più grande operazione condotta dall'esercito iracheno dopo il ritiro dei militari statunitensi nel 2011

Immagine di copertina

Le forze governative irachene, con il supporto della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti, hanno lanciato nella notte di lunedì 17 ottobre un’offensiva per riconquistare la città di Mosul, che si trova sotto il controllo dell’Isis.

Si tratta della più grande operazione condotta dall’esercito iracheno dopo il ritiro dei militari statunitensi nel 2011.

Circa 30mila truppe dell’esercito, le milizie curde e i combattenti delle tribù sunnite potrebbero prendere parte all’offensiva contro i miliziani del sedicente Stato islamico a Mosul.

l presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che è “fuori questione” che le truppe turche restino fuori dall’offensiva contro l’Isis a Mosul, aprendo quindi a un intervento della Turchia al fianco della coalizione internazionale e dell’esercito iracheno.

Inoltre, fonti militari turche hanno riferito all’agenzia Reuters che circa la metà dei 3mila militari iracheni addestrati dalla Turchia nel campo di Bashiqa, nel nord dell’Iraq, stanno prendendo parte all’operazione.

Secondo quanto riportato dal network curdo Rudaw, quattro miliziani curdi sono stati uccisi questa mattina nel corso dei combattimenti per il controllo della città.

L’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite ha detto che fino a 100mila iracheni potrebbero arrivare in Siria e Turchia per sfuggire all’assalto militare volto a liberare la città dall’Isis. Il vice primo ministro turco Numan Kurtulmus ha dichiarato che la Turchia è pronta per accogliere le centinaia di migliaia di potenziali rifugiati in fuga da Mosul.

“Annuncio oggi l’inizio di un’operazione eroica per la liberazione dal terrore e dall’oppressione di Daesh”, ha detto il primo ministro iracheno Haider Abadi in un discorso alla televisione di stato, utilizzando l’acronimo arabo dell’Isis.

“Ci incontreremo presto sul terreno di Mosul per celebrare la liberazione e la salvezza”.

Al-Jazeera ha trasmesso un video che sostiene essere un bombardamento di Mosul, iniziato subito dopo il discorso di Abadi, e che mostra il lancio di missili e raffiche di proiettili.

“Questa operazione, volta a riprendere il controllo della seconda città dell’Iraq, probabilmente continuerà per settimane, forse più a lungo”, ha riferito il comandante della coalizione, il generale statunitense Stephen Townsend, in un comunicato.

A Mosul vivono 1,5 milioni di persone, ed è la città irachena più grande attualmente sotto il controllo dell’Isis, nonché sua ultima grande roccaforte in Iraq.

“Si tratta di un momento decisivo nella campagna per assestare all’Isis una sconfitta duratura “, ha detto il segretario della Difesa americano Ash Carter in una dichiarazione.