Me

Il primo dibattito televisivo tra Clinton e Trump

Il dibattito è stato seguito da almeno 100 milioni di telespettatori e ampiamente commentato sui social network, con circa 5 milioni di tweet

Immagine di copertina

Si è concluso da poche ore il primo dibattito televisivo tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump e Hillary Clinton. Il dibattito è stato seguito da almeno 100 milioni di telespettatori e ampiamente commentato sui social network, con circa 5 milioni di tweet.

Il dibattito tenutosi a Hempstead, New York, e trasmesso dalla Nbc, è stato moderato da Lester Holt. Analisti e quotidiani statunitensi sono concordi nel dire che ad avere la meglio è stata Hillary Clinton, che è riuscita a mettere più di una volta un raffreddato Trump sulla difensiva nei 95 minuti di faccia a faccia. Un sondaggio di CNN, subito ritweettato dalla candidata democratica, dice che il 62 per cento degli spettatori ha preferito Clinton e solo il 27 per cento Trump. 

Sul piano personale Clinton ha attaccato Trump per non aver pubblicato la sua dichiarazione dei redditi, insinuando che forse aveva qualcosa da nascondere. Il candidato repubblicano ha risposto che renderà noti i suoi redditi se Clinton farà altrettanto con le circa 33mila mail eliminate dal suo account personale, oggetto di lunghe indagini e pressioni nei mesi scorsi. Su questo argomento Clinton ha tagliato corto dicendo che si è trattato di un errore e che se ne prende tutta la responsabilità.

Sempre sul piano degli attacchi personali, Trump ha invece ribadito che Clinton non è la persona giusta per governare perché non ne ha la resistenza né la tempra. Immediata la risposta dell’ex segretaria di Stato: “quando avrà visitato anche lui 112 paesi, negoziato trattati di pace, un cessate il fuoco, la liberazione di dissidenti politici, o passato 11 ore a testimoniare davanti a una commissione del Congresso, potrà parlare di resistenza”. 

In seguito Clinton ha ritirato fuori il fatto che in passato Trump ha definito le donne “cagne, zoticone e maiali”.

Tra gli altri argomenti su cui i due si sono confrontati ci sono stati la sicurezza, gli afroamericani, la politica estera, le tasse, il terrorismo e la politica estera. 

Uno dei momenti in cui Trump è stato messo più in difficoltà è stato quando Clinton lo ha criticato per aver detto che il cambiamento climatico era una bufala inventata dai cinesi. Trump ha negato di averlo mai detto ma ci sono numerose dichiarazioni e tweet che lo confermano.

Dal canto suo Clinton è stata criticata per essere complice del caos mediorientale e per la sua debolezza nei confronti del sedicente Stato islamico. In generale Hillary Clinton è apparsa più preparata dell’avversario, che in più di un passaggio è sembrato che improvvisasse. 

I prossimi faccia a faccia saranno il 9 ottobre a St. Louis e il 19 ottobre a Las Vegas. I candidati alla vicepresidenza, il democratico Tim Kaine e il repubblicano Mike Pence, si affronteranno il 4 ottobre a Farmville. 

Il video integrale: