Me

Il museo in India che invita i visitatori a diventare parte delle sue opere

Il museo Click Art nella città indiana di Chennai ha riscosso un grandissimo successo dalla sua apertura per la sua capacità di coinvolgere i visitatori

Immagine di copertina

Nella città indiana di Chennai, India, è stato inaugurato ad
aprile il primo museo di “Click Art”, che ha finora riscosso un grandissimo successo,
visto che sono state 47mila le persone che l’hanno visitato.

Il museo dispone di 24 opere d’arte in mostra, che sono
state create utilizzando quadri in 3D e illusioni ottiche, che offrono ai
visitatori l’opportunità di interagire e diventare essi stessi parte dell’arte
in mostra.

L’artista indiano AP Shreethar è l’autore di tutte le esposizioni,
e dice di essersi ispirato ad altre gallerie d’arte di Singapore, Malesia e
Hong Kong, perché “le gallerie d’arte nel sud dell’India sono generalmente
molto noiose. Non molte persone sono interessate all’arte e pochi visitano le
mostra”, ha detto alla BBC.

Questo nuovo approccio si è invece rivelato vincente, visto
che durante il fine settimana il museo attira fino a duemila visitatori al
giorno, e le opere sembrano essere apprezzate sia dai bambini che dagli adulti.

A differenza di altre istituzioni museali, che poco
apprezzano l’uso di cellulari e l’eccessiva tendenza ai selfie nei pressi delle
opere esposte, in questo museo è quasi obbligatorio posare accanto ai
quadri, che sembrano realizzati appositamente per essere “completati” dalla
presenza di un visitatore.