Me

L’Isis ha catturato tremila profughi iracheni diretti a Kirkuk

Secondo l'Unhcr, fino a tremila iracheni sono stati catturati mentre cercavano di raggiungere la città di Kirkuk, e 12 di loro sono stati giustiziati

Immagine di copertina

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), i miliziani del sedicente Stato islamico potrebbero aver catturato fino a tremila iracheni in fuga dai propri villaggi e averne giustiziati 12, giovedì 4 agosto 2016.

“L’Unhcr ha ricevuto notizia che giovedì 4 agosto l’Isil [altro acronimo che designa il gruppo estremista] ha catturato fino a 3mila profughi interni provenienti dai villaggi nel distretto di Hawiga, governatorato di Kirkuk, che cercavano di raggiungere la città di Kirkuk. Stando a quanto ci è stato riportato, 12 dei profughi interni sono stati uccisi”, si legge nel rapporto dell’agenzia.

Il rapporto Unhcr fa seguito a una simile notizia diffusa giovedì dall’Osservatorio iracheno per i diritti umani che parlava di circa 1.900 civili catturati da 100-120 miliziani dell’Isis per essere usati come scudi umani contro le forze di sicurezza irachene. Decine di persone sarebbe state giustiziate e sei bruciate vive.

Il mese scorso, l’Onu ha chiesto 284 milioni di dollari per organizzare gli aiuti quando sarà lanciata l’offensiva su Mosul, la capitale del sedicente Stato islamico in Iraq, e fino a 1,8 miliardi di dollari per far fronte al periodo successivo all’espulsione del gruppo. Al momento, nessun donatore ha risposto all’appello.

L’Unhcr ha cominciato a predisporre un sito a nordest di Mosul con una capacità di seimila persone e un altro a nordovest con una capacità di 15mila persone, ma i profughi che avranno necessità di rifugio e assistenza saranno molti di più.

Decine di migliaia di persone che hanno lasciato Falluja non sono ancora tornate dopo che la città è stata sottratta all’Isis.

L’Unhcr ha reso noto che tre volontari che aiutavano a ripulire Falluja da macerie ed esplosivi sono rimasti uccisi il primo agosto.

“Anche se le autorità locali hanno detto che sarà possibile tornare a Falluja da settembre, il ministero per la Migrazione e gli Sfollati ha stabilito che ci vorranno altri tre mesi perché la città sia pronta a riaccogliere i suoi abitanti su larga scala”, si legge su un documento dell’agenzia.

Ma le autorità irachene hanno fatto sapere che 300mila profughi sono ritornati nel distretto di Ramadi dopo che le forze irachene hanno annunciato di aver sconfitto l’Isis nella provincia di Anbar a dicembre 2015. 

Tuttavia, le autorità chiedono ai profughi di non rientare dopo che decine di civili sono morti in seguito all’esplosione di mine piazzate dai miliziani estremisti.