Me

Il ministro Orlando: l’Italia sta indagando sul ruolo dell’Isis rispetto ai flussi migratori

Il ministro della Giustizia ha dichiarato che sono in corso indagini, i cui dettagli sono ancora segreti, sulla gestione delle tratte migratorie tra Libia e Italia

Immagine di copertina

Lo stato italiano sta svolgendo indagini per accertare se
l’Isis sia effettivamente coinvolto nell’organizzazione del trasporto di decine
di migliaia di migranti attraverso il Mediterraneo, secondo quanto dichiarato
oggi 3 agosto dal ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Se è vero che la tratta migratoria che dalla Turchia porta
alla Grecia si è notevolmente ridimensionata dopo l’accordo di rimpatrio stipulato
tra l’Unione europea e Ankara a marzo, ancora oggi centinaia di persone continuano
ad arrivare in Italia ogni giorno, per lo più dalla Libia.

“In base alle informazioni disponibili, c’è
un’inchiesta in corso per stabilire se i rappresentanti dell’Isis abbiano un
ruolo cruciale nel controllo e nella gestione dei flussi migratori verso
l’Italia”, ha dichiarato alla commissione Schengen il ministro della
Giustizia, aggiungendo che i dettagli delle indagini sono ancora segreti.

Un totale di 4.027 migranti o rifugiati sono morti in tutto
il mondo finora quest’anno, tre quarti di loro nel Mediterraneo, secondo quanto
dichiarato dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni martedì 2
agosto: un aumento del 35 per cento sul bilancio globale nel corso dei primi
sette mesi del 2015.

Sempre secondo l’OIM, sarebbero invece 257mila i migranti e
rifugiati entrati in Europa via mare quest’anno.