Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 26 luglio 2016

Immagine di copertina

Giappone: un uomo armato di coltello ha ucciso 19 persone a Sagamihara. Le vittime erano tutti ospiti di un centro per disabili mentali. La polizia ha arrestato l’assassino. Si tratta del peggiore omicidio di massa in Giappone degli ultimi decenni.

– Stati Uniti: si è concluso il primo giorno di convention democratica, con gli attesissimi interventi di Michelle Obama, Elizabeth Warren e Bernie Sanders. La convention era iniziata con i fischi e le contestazioni dei sostenitori di Sanders, ma dopo l’appello di quest’ultimo e gli interventi il clima si è disteso. 

– Somalia: due attentatori suicidi si sono fatti esplodere presso la base di una missione di pace dell’Unione africana a Mogadiscio. 

– Germania: il ragazzo siriano che domenica 24 luglio si è fatto eplodere nei pressi di un festival musicale, ad Ansbach, in Baviera, aveva sul suo cellulare un video in cui dichiarava la sua fedeltà all’Isis. 

– Bangladesh: la polizia ha ucciso 9 sospetti militanti islamici in uno scontro a fuoco nella capitale Dhaka, in seguito all’ondata di omicidi contro blogger, accademici, religiosi o stranieri, l’ultimo dei quali è avvenuto lo scorso 1 giugno in un ristorante della capitale, nel quale sono morte 20 persone tra cui 9 italiani.

– Australia: il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha avviato una commissione d’inchiesta per indagare sui maltrattamenti e abusi ai danni di giovani detenuti in un carcere minorile, dopo le rivelazioni da parte di una trasmissione televisiva.

– Abu Dhabi: il primo viaggio intorno al mondo dell’aereo a energia solare “Solar impulse” si è concluso ad Abu Dhabi, dopo 42mila chilometri percorsi. 

– Spagna: un bambino affetto da microcefalia causata da virus Zika è nato a Barcellona. Si tratta del primo caso del genere in Europa. 

– Polonia: inizierà oggi a Cracovia, in Polonia, la giornata mondiale della gioventù, a cui parteciperanno 2 milioni di giovani e a cui prenderà parte anche papa Francesco. Si concluderà il 31 luglio.