Me
In Turchia i sospettati del golpe potranno essere detenuti fino a 30 giorni
Condividi su:

In Turchia i sospettati del golpe potranno essere detenuti fino a 30 giorni

Intanto Erdogan ha ordinato la chiusura di oltre 1.000 scuole private e più di 1.200 associazioni

23 Lug. 2016

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha esteso il periodo in cui i sospetti possono essere detenuti senza accusa fino a 30 giorni, dai 4 giorni iniziali previsti. La mossa sarebbe giustificata dal fatto che secondo il governo servono indagini più approfondite nei confronti dei detenuti, sospettati di collegamento con il colpo di stato.  

La dichiarazione ha anche ordinato la chiusura di oltre 1.000 scuole private e più di 1.200 associazioni.

Lo stato di emergenza invocato dal governo durerà 3 mesi e permetterà al presidente e al governo di approvare le leggi senza dover prima ottenere il sostegno parlamentare e permette loro di frenare o di sospendere i diritti e le libertà che ritengono necessarie.

Le autorità turche hanno già avviato una serie di purghe di massa tra le forze dell’ordine, la magistratura, gli accademici, funzionari governativi, insegnanti e giornalisti. 

Il decreto firmato da Erdogan autorizza la chiusura di 1.043 scuole private, 1.229 enti di beneficenza e fondazioni, 19 sindacati, 15 università e 35 istituti medici per presunti collegamenti con il movimento di Gulen, l’imam considerato l’ispiratore del colpo di stato del 15 luglio. 

Il Parlamento deve ancora approvare il decreto, ma richiede solo la maggioranza semplice. 

— LEGGI ANCHE: LA TURCHIA SOSPENDE LA CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus