Me
Un poliziotto di Miami ha sparato a un afroamericano disteso a terra con le mani alzate
Condividi su:

Un poliziotto di Miami ha sparato a un afroamericano disteso a terra con le mani alzate

Un video ha ripreso l’incidente mostrando che la vittima è stata ferita a una gamba mentre stava aiutando un paziente autistico che giocava in strada

22 Lug. 2016

Un video apparso in rete mercoledì 20 luglio riprende un poliziotto mentre apre il fuoco contro un afroamericano disarmato e disteso a terra su una strada con le mani alzate accanto a un paziente autistico.

La vittima, Charles Kinsey, è stata ferita a una gamba da tre proiettili. Kinsey è un medico e ha raccontato a una televisione di Miami che stava cercando di calmare un paziente autistico che era fuggito da un gruppo di terapia e stava giocando con un camion giocattolo in mezzo a una strada.

Nel filmato si vede il medico afroamericano in maglietta e pantaloncini sdraiato supino in strada con le mani alzate accanto al paziente con il giocattolo in mano. “È solo un giocattolo. Un camion giocattolo. Sono un medico terapista ed è un mio paziente”, si sente urlare Kinsey mentre i poliziotti puntano una pistola contro di loro.

Il momento in cui l’agente spara non è ripreso nel video e non è chiaro il motivo per cui abbia aperto il fuoco, ma il Dipartimento della polizia di Miami ha confermato l’incidente, ha sospeso l’agente e ha avviato un’inchiesta.

Il video ha nuovamente intensificato le proteste della comunità afroamericana negli Stati Uniti contro la violenza della polizia, accusata di razzismo dopo l’uccisione da parte di alcuni agenti di tre cittadini di colore che ha scatenato violente proteste in tutta la nazione.

Il video

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus