Me

Cosa cambia per le Nazioni Unite dopo la Brexit

Il Regno Unito e l'UE dovranno abituarsi ad una collaborazione meno stretta anche alle Nazioni Unite: il rischio è una perdita di peso negoziale per entrambi

Immagine di copertina

Dopo la decisione del popolo britannico di votare a favore della Brexit,
l’impatto e le conseguenze di tale decisione si sentiranno anche in ambito
onusiano. Come e quanto è ancora da capire, ma la sensazione, purtroppo, è che sarà
un affaire svantaggioso per entrambi.

Dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona nel 2011 e la costituzione
del SEAE (Servizio Europeo per l’Azione Esterna), l’Unione Europea aveva
ottenuto, grazie ad una risoluzione ad hoc,
uno status all’ONU di Osservatore Permanente “potenziato”, con diritto di
parola nei dibattiti in Assemblea Generale e nelle Commissioni, potendo proporre
risoluzioni ed emendamenti, avendo il diritto di far circolare documentazione
tra gli stati membri e di replica durante i dibattiti e così via.

Inoltre, l’UE, coadiuvata da alcuni diplomatici degli stati membri, i
cosiddetti burden sharers, spesso
negozia in prima persona,dopo coordinamenti interni mirati a definire una posizione
comune tra i 28, alcune tra le risoluzioni più importanti in seno all’ONU, dal
bilancio fino all’antiterrorismo, dai diritti umani allo sviluppo sostenibile.

L’UE, insomma, ha un peso specifico molto forte al Palazzo di Vetro. Basti
pensare che i 28 sono insieme i maggiori contributori al bilancio
dell’Organizzazione: circa il 40 per cento di quello generale e di quello delle
missioni di pace (gli Stati Uniti, secondi in questa particolare classifica,
contribuiscono con una quota fissa del 22 per cento).

Gli unici diritti che l’UE non ha all’ONU, rispetto ad altri stati membri,
sono quello di voto (ma come detto i 28 votano perlopiù compatti) e la
possibilità di proporre proprie candidature e candidati. L’UE non può quindi
candidarsi autonomamente per un seggio non-permanente in Consiglio di
Sicurezza, per esempio.

Con l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea le questioni più spinose
saranno dunque le seguenti: quanto peso specifico perderà l’UE nei negoziati
all’ONU? Quanto peso specifico guadagnerà, sempre che ne guadagni, il Regno
Unito? E per quanto riguarda la situazione in Consiglio di Sicurezza, come
cambieranno le cose?

La risposta alla prima domanda è che l’UE perderà effettivamente peso
negoziale, ma non troppo. Germania, Francia e Italia sono ancora tra i maggiori
contributori al bilancio ONU, mentre Svezia, e Paesi Bassi sono tra quelli che
più contribuiscono con donazioni volontarie alle varie agenzie, per esempio.

L’UE, inoltre, potrà ancora contare su 27 voti compatti nelle risoluzioni
più delicate, e continuerà a vantare una presenza fissa in Consiglio di
Sicurezza grazie al seggio permanente francese e quelli non permanenti dei vari
membri che si candidano a rotazione. Per esempio, l’anno prossimo, oltre alla
Francia, l’Italia e la Svezia rappresenteranno l’UE nel Consiglio.

L’anno successivo, i Paesi Bassi prenderanno il posto dell’Italia e si
aggiungerà, dal gruppo dei paesi dell’Est Europa, uno tra Polonia e Bulgaria al
posto dell’uscente Ucraina; l’anno ancora dopo, verosimilmente, la Francia
verrà affiancata da Germania e Belgio (sempre che Israele non riesca nella
storica impresa di assicurarsi un seggio, che ad oggi pare comunque lontano)
oltre, appunto, a Polonia o Bulgaria.

Per quanto riguarda la seconda domanda, la risposta è più incerta. È
probabile che nel breve periodo il Regno Unito guadagni del peso negoziale,
avendo più libertà di esprimere le proprie posizioni non filtrate dalla mediazione
in seno ai coordinamenti UE e mantenendo una voce più indipendente in Consiglio
di Sicurezza, dove comunque sembra difficile che le posizioni britanniche si
discosteranno molto da quelle di Francia e Stati Uniti. Non va però
sottovalutato che a lungo termine il Regno Unito rischia di trovarsi isolato e
di faticare ad influenzare il dibattito in tutte le attività
dell’Organizzazione.

Gli Stati Uniti mantengono – ça va
sans dire
– un’autorevole voce autonoma, ma investono risorse molto
maggiori rispetto al Regno Unito nella loro attività onusiana. Basti pensare
che, esclusi stagisti e personale amministrativo, gli Stati Uniti hanno uno
staff di circa 160 persone all’ONU, tra diplomatici e attaché (fonte: Blue Book delle Nazioni Unite).

Il Regno Unito, d’altra parte, ne ha poco più di 40. L’UE senza dubbio ha
permesso al Regno Unito di ottimizzare per anni le risorse investite, mentre
ora i diplomatici britannici si troveranno a negoziare da soli, senza poter
fare burdensharing e senza avere
accesso ad un network immenso di informazioni.

Insomma, o Londra deciderà di aumentare lo staff a New York (con un
significativo aumento dei costi annessi), oppure sarà molto difficile riuscire
a seguire ogni dossier con l’attenzione che merita. Certo, la Gran Bretagna potrà
eventualmente unire le forze con i cosiddetti CANZ (Canada, Australia e Nuova Zelanda),
paesi likemanded che talvolta
negoziano insieme, ma una struttura efficiente come quella UE sarà ben
difficile da sostituire, specie per un paese che da Membro Permanente del CdS
deve necessariamente “lavorare” più di altri.

Arriviamo dunque all’ultimo quesito: come cambierà la situazione in
Consiglio di Sicurezza? Qui appare sinceramente difficile fare una previsione.
Il Regno Unito, come detto in precedenza, non si discosterà molto dalle
tradizionali posizioni dei P3, senza contare che nel Consiglio, Regno Unito e
Francia già davano priorità agli interessi nazionali, anziché a quelli
comunitari.

Va comunque segnalato che la Brexit potrebbe dare nuova linfa al processo
di riforma del Consiglio di Sicurezza, ora essenzialmente fermo: per quale
motivo il Regno Unito, fuori dalla dimensione UE, dovrebbe meritare un seggio
permanente, mentre non ne hanno diritto Giappone, India o Germania? Perché
nessuno stato membro del Gruppo Africano o del Gruppo dei Paesi
Latino-Americani e Caraibi è rappresentato in maniera permanente nel Consiglio,
mentre lo è un Paese likeminded che
poco si discosta dalle posizioni di Francia e Stati Uniti?

È possibile accettare che un paese la cui proiezione internazionale è stata
ridimensionata dalla Brexit (e dalla storia) sia uno dei soli 5 su 193 a
possedere un diritto di veto? Non è inverosimile immaginare che molti stati membri
dell’ONU si pongano queste domande e chiedano un cambio di rotta. 

L’UE ne potrebbe uscire ugualmente indebolita: si allontana, forse
addirittura scompare, la possibilità di avere un seggio UE in Consiglio di
Sicurezza, mentre il peso francese nelle questioni di Sicurezza internazionale
potrebbe aumentare significativamente all’interno dell’Unione senza il
contraltare britannico.

Certo, l’UE continuerà ad essere ampiamente rappresentata nel Consiglio, ma
è comunque difficile immaginare che Bruxelles possa acquisire del peso da
questa situazione, mentre può solo perderne.

Campagna regione lazio

Insomma, come per la Brexit in generale, anche in ambito ONU sembrerebbe
che, sebbene gli effetti collaterali non dovrebbero essere devastanti per
entrambi, ci troviamo comunque di fronte a una lose-lose situation. Peccato.