Me
Il Myanmar ha rilasciato un giornalista della Bbc
Condividi su:

Il Myanmar ha rilasciato un giornalista della Bbc

Nay Myo Lin del servizio della Bbc in lingua birmana era stato condannato per aver aggredito un poliziotto, ma il tribunale ha accolto il suo ricorso

21 Lug. 2016

Un giornalista del servizio della Bbc in lingua birmana è stato rilasciato dalle autorità del Myanmar giovedì 21 luglio 2016 dopo che il tribunale ha accettato il suo ricorso contro una sentenza di tre mesi per aver aggredito un poliziotto.

“Sono in buona salute e sono molto grato a tutti coloro che hanno espresso preoccupazione nei miei confronti e hanno contribuito al mio rilascio”, ha dichiarato Nay Myo Lin.

Thein Than Oo, il suo avvocato, ha riferito che la corte di Mandalay, la seconda città del paese, ha accolto l’appello del giornalista e ha immediatamente disposto il suo rilascio.

Nay Myo Lin era stato condannato a tre mesi di reclusione e ai lavori forzati il 6 giugno con l’accusa di aver colpito un agente di polizia mentre copriva le proteste degli studenti l’anno passato.

La colluttazione tra i due è nata dopo che l’agente, che stava in mezzo a un corteo automobilistico, ha colpito un uomo facendolo cadere dalla sua motocicletta, come mostra un video ripreso da un testimone.

Nay Myo Lin si era difeso dalle accuse dicendo che non voleva fare del male al poliziotto ma difendere un cittadino che era stato ingiustamente attaccato.

L’episodio è avvenuto durante una manifestazione di un gruppo di studenti a Yangon, la capitale birmana, a marzo dello scorso anno in protesta contro una legge che secondo loro avrebbe avuto un impatto negativo sulla libertà accademica. La polizia antisommossa aveva caricato i manifestanti disperdendoli.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus