Me
Le ultime corse della metro di Londra (prima che parta il servizio notturno)
Condividi su:

Le ultime corse della metro di Londra (prima che parta il servizio notturno)

I videomaker Nicola Sersale e Stefano Minini hanno realizzato un cortometraggio per raccontare gli ultimi giorni prima dell'inizio del servizio notturno della metro

20 Lug. 2016

La data d’inizio del servizio era stata fissata per settembre
2015, ma poi uno sciopero dei conducenti, determinati a ottenere condizioni
lavorative migliori, aveva rimandato di circa un anno ciò che i cittadini
londinesi invocano da tempo: il servizio notturno della metropolitana.

Nonostante la underground
della capitale britannica sia uno dei suoi simboli più noti, nonché uno dei
sistemi di trasporto metropolitano più antichi e allo stesso tempo efficienti
al mondo, fino ad oggi le ultime corse sono ancora fissate a poco dopo la
mezzanotte, per poi interrompersi fino alle prime luci dell’alba.

Dal 19 agosto tutto cambierà (salvo ulteriori scioperi), e nella
notte sarà attivato un servizio continuativo di corse che partiranno a
intervalli tra i dieci e i venti minuti, a seconda delle linee e dell’orario.

Grazie a questa innovazione, finirà però anche quella
convenzione sociale così londinese di bere ancora una pinta nel pub all’angolo
e a mezzanotte in punto correre per l’ultima metro verso casa.

Pensando a questi come agli ultimi giorni in cui un’abitudine
tanto consolidata avrà modo di manifestarsi, i videomaker italiani Nicola
Sersale e Stefano Minini hanno realizzato il cortometraggio LAST TUBE, che ritrae un weekend nella
metro londinese e i personaggi che, in vari stati d’ebbrezza, popolano di sera
tardi un ambiente così diurno e funzionale.

Questo il video, che in futuro resterà a eterna
testimonianza di un periodo ormai concluso:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus