Me
I detenuti che hanno salvato la vita di un secondino colpito da infarto
Condividi su:

I detenuti che hanno salvato la vita di un secondino colpito da infarto

Presso il carcere del tribunale di Weatherford, Texas, un secondino è stato salvato dai detenuti che era incaricato di sorvegliare

09 Lug. 2016

Sono state diffuse in questi giorni le immagini di un
avvenimento svoltosi il 23 giugno presso il carcere del tribunale di
Weatherford, Texas, dove un secondino colpito da infarto è stato salvato dai
detenuti che era incaricato di sorvegliare.

Il secondino era seduto a un tavolo a poca distanza da una
cella chiusa a chiave con otto prigionieri al suo interno nei sotterranei del
tribunale della contea di Parker, quando improvvisamente si è accasciato a
seguito di un attacco di cuore.

I detenuti, accortisi immediatamente del problema, hanno
cominciato a gridare aiuto, e quando nessuno è accorso hanno unito le forze per
aprire la porta della cella e cercare di aiutare il secondino, nonostante
avessero ancora le manette ai polsi.

Hanno quindi cominciato a sbattere sulle porte e a gridare
per attirare l’attenzione di altri secondini presenti ai piani superiori,
rischiando la vita nel caso questi fossero accorsi e scambiando la scena per un’evasione,
avessero aperto il fuoco.

Lo sceriffo della contea Ryan Speegle è arrivato sul posto e
ha trovato i detenuti fuori dalla cella e il suo collega privo di sensi a
terra, ma fortunatamente si è limitato a far rientrare gli otto prigionieri
nella cella, procedendo poi a praticare una rianimazione cardiopolmonare sul
secondino.

Con l’arrivo dei paramedici, il custode è stato salvato e
potrà tornare a lavoro già dalla prossima settimana, secondo quanto riferito
dai colleghi del tribunale.

Il tutto è stato filmato dalle telecamere di sorveglianza
della cella, le cui immagini dell’accaduto sono state riprese da questo servizio
del network televisivo ABC:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus