Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per l'8 luglio 2016

Immagine di copertina

Stati Uniti: cinque poliziotti sono stati uccisi e altri sette feriti nelle proteste per l’uccisione di due afroamericani Alton Sterling e Philando Castile, uccisi dalla polizia in Louisiana e in Minnesota nei due giorni precedenti. Sono state fermate tre persone. 

– Iraq: 35 persone sono morte e altre 60 ferite in un attentato a un mausoleo sciita nel nord di Baghdad, rivendicato dal sedicente Stato islamico. 

– Italia: Il tribunale vaticano si è espresso sul processo Vatileaks. Monsignor Lucio Vallejo Balda è stato condannato a 18 mesi per divulgazione di documenti riservati, la pr Francesca Immacolata Chaouqui a 10 mesi per concorso con pena sospesa. I giornalisti Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi sono stati invece prosciolti per difetto di giurisdizione.

– Francia: nella notte dopo la vittoria della Francia alla semifinale di Euro2016 sono scoppiati scontri tra polizia e tifosi sugli Champs Elysées.

– Stati Uniti: il dipartimento di Stato ha annunciato che riaprirà il caso delle mail private di Hillary Clinton dopo che 2 giorni fa l’Fbi si era espresso a favore del non incriminare la candidata democratica. 

– Brasile: Eduardo Cunha, il presidente della camera dei deputati brasiliana, ha presentato le sue dimissioni per il suo coinvolgimento nello scandalo di tangenti e corruzione Petrobras. Era stato lui a condurre il procedimento di impeachment contro la presidente brasiliana Dilma Rousseff.

– Arabia Saudita: 12 delle 19 persone arrestate in seguito alla triplice esplosione di lunedì scorso che ha ucciso 4 poliziotti, sono pakistani, hanno riferito le autorità saudite. 

– Corea del Sud: gli Stati Uniti e la Corea del sud hanno stabilito di installare un sistema di difesa missilistico per prevenire eventuali minacce da parte della Corea del nord.