Me
Un uomo è stato fermato per l’omicidio dello studente americano trovato morto nel Tevere
Condividi su:

Un uomo è stato fermato per l’omicidio dello studente americano trovato morto nel Tevere

Un romano di 41 anni senza fissa dimora è il principale indiziato per la morte di Beau Solomon

05 Lug. 2016

Un 41enne romano senza fissa dimora è stato fermato in relazione all’omicidio di Beau Solomon, il giovane americano trovato morto a Roma. Il corpo dello studente americano scomparso a Roma quattro giorni fa era stato trovato nel Tevere, all’altezza di Ponte Marconi, nella mattinata di lunedì 4 luglio 2016. 

L’uomo sarebbe quindi il principale indiziato per l’omicidio, aggravato da futili motivi. La pista della rapina è quella più accreditata dal momento che non sono stati ritrovati né il telefonino né il portafogli del 19enne americano.

La causa del decesso potrebbe essere l’annegamento ma non si escludono altre modalità dal momento che Solomon aveva una ferita alla testa e che la sua maglietta era sporca di sangue.

Inoltre, la famiglia ha riferito che la sua carta di credito è stata usata nelle ore in cui il ragazzo risultava scomparso, con spese che ammontano a 1.500 euro e tutte realizzate a Milano.

Due testimoni, ascoltati a lungo dagli inquirenti. hanno raccontato di aver visto una persona gettare nel fiume Tevere un’altra persona proprio nella notte tra il 30 e 1 luglio. 

Beau Solomon, 19enne del Wisconsin, doveva cominciare un periodo di studio di 5 settimane a Roma alla John Cabot University, la cui sede si trova nel quartiere di Trastevere, che si affaccia sul Tevere ed è particolarmente popolare tra i giovani.

L’università ha confermato la morte di Solomon attraverso il suo sito. Il ragazzo è stato visto l’ultima volta intorno all’una di notte di venerdì primo luglio in un pub, poche ore dopo essere arrivato nella capitale.

La polizia ha riferito che il corpo di Salomon è stato portato all’obitorio dove verrà effettuata un’autopsia per determinare le cause del decesso.

Il fermo del Pm deve essere ora convalidato dal Gip. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus