Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 4 luglio 2016

04 Lug. 2016

Iraq: nel paese sono stati proclamati 3 giorni di lutto nazionale in seguito all’attacco del 2 luglio a Baghdad, dove sono morte 125 persone e altre 150 sono rimaste ferite. 

– Arabia Saudita: un attentatore suicida si è fatto esplodere nei pressi del consolato statunitense di Jeddah ed è stato immediatamente ucciso da due poliziotti che sono rimasti leggermente feriti nell’esplosione. Non ci sono altre vittime. 

– Bangladesh: le autorità bangladesi hanno riferito di aver individuato 5 degli attentatori di Dacca. Erano tutti nomi già noti alla polizia ed appartenevano al gruppo Jamaeytul Mujahdeen Bangladesh, fuori legge da anni. 

– Stati Uniti: si celebra oggi il giorno dell’Indipendenza. Si tratta del 240esimo anniversario dalla dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America del 4 luglio del 1776. 

– Australia: il paese si prepara a un periodo di instabilità politica dal momento che dalle elezioni anticipate del 2 luglio nessun partito sembra aver ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento. 

– Bangladesh: il segretario di stato Usa, John Kerry, ha offerto il suo aiuto alla premier bangladese, Sheikh Hasina, nelle indagini sull’attacco del 1 luglio a Dacca, in cui sono morte 20 persone tra cui 9 italiani. 

– Egitto: tutti i corpi delle vittime del volo Egyptair, precipitato lo scorso 19 maggio, sono stati recuperati. 

– Gaza: una nave turca che trasportava 11mila tonnellate di aiuti umanitari destinati a Gaza è arrivata nel porto di Ashdod. È la prima nave turca ad arrivare dopo la normalizzazione delle relazioni tra Turchia e Israele dei giorni scorsi.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus