Me

Chi sarà il prossimo leader Tory?

Sono 5 i candidati alla leadership del Partito Conservatore britannico dopo le dimissioni del premier David Cameron. Ecco chi sono e come sarà eletto il prossimo leader

Immagine di copertina

Il Partito Conservatore britannico dovrà eleggere il suo nuovo leader e probabile futuro primo ministro, dopo che David Cameron ha annunciato che dimetterà all’indomani del referendum sull’uscita dall’Unione Europea del 23 giugno vinto dal fronte del leave.

Chi sono i candidati alla leadership del partito?

Stephen Crabb, 43 anni, fronte del remain. Cresciuto da una madre single nelle case popolari del Galles, Crabb è andato alla scuola statale e si è pagato gli studi universitari lavorando nell’edilizia. Ha lavorato come consulente marketing prima di essere eletto in parlamento nel 2005.

Ha ricoperto la carica di ministro per il Lavoro e le pensioni nel governo di Cameron, ma solo per tre mesi. In precedenza era stato ministro del Galles.

Tra i suoi sostenitori c’è il ministro del commercio Sajid Javid, che ricoprirà la carica di ministro delle Finanze se Crabb dovesse diventare premier.

“Il popolo britannico desidera il controllo dell’immigrazione… per noi, questa è una linea rossa”, ha dichiarato Crabb al lancio della propria campagna.

“Sarà molto difficile riconciliare ciò con il libero accesso al mercato unico. La sfida è cercare un accordo che si avvicini il più possibile al tipo di accesso di cui godiamo attualmente”.

Crabb ha anche detto che bisognerà ricostruire l’unità del Regno Unito prima di avviare la procedura di uscita dall’Unione Europea.

Liam Fox, 54 anni, fronte del leave. Fox appartiene all’ala destra del partito conservatore. È nato e cresciuto in Scozia è ha studiato alla scuola statale prima di frequentare medicina all’Università di Glasgow.

Ha lavorato come medico e come ufficiale medico civile dell’esercito prima di diventare deputato nel 1992.

Fox è stato segretario alla Difesa tra il 2010 e il 2011, ma si è dimesso per via della sua amicizia con un uomo d’affari che ha lavorato come suo consulente. Un’indagine governativa aveva stabilito che in quell’occasione aveva mescolato relazioni personali e ufficiali in modo inappropriato. È stato anche sottosegretario agli Esteri e presidente del Partito Conservatore.

A candidarlo alla leadership sono stati il sottosegretario ai trasporti Robert Goodwill e il deputato Scott Mann.

“Non credo che ci sia spazio per il mercato unico se esso comporta anche la libera circolazione delle persone. Colore che hanno votato per lasciare l’Ue lo vedrebbero come un tradimento e francamente avrebbero ragione”, ha dichiarato nel suo discorso di candidatura. “Non abbiamo bisogno di far parte del mercato unico per vendere su di esso”.

Fox ha dichiarato che attiverà l’articolo 50 entro la fine dell’anno con l’intenzione di portare il Regno Unito fuori dall’Ue entro il primo gennaio 2019.

Michael Gove, 48 anni, fronte del leave. Gove è cresciuto in Scozia e ha studiato a Oxford prima di diventare giornalista. Ha lavorato alla Bbc e al Times.

È stato direttore del think tank di centrodestra Policy Exchange prima di essere eletto in parlamento nel 2005. Attualmente è segretario della giustizia, ma in precedenza è stato segretario all’istruzione per quattro anni.

Gove è stato uno dei principali promotori della Brexit insieme all’ex sindaco di Londra Boris Johnson, che avrebbe dovuto sostenere prima di annunciare a sorpresa che non lo riteneva adatto per la leadership del partito.

È stato candidato dal suo successore come segretario all’istruzione, Nicky Morgan, che tuttavia è del fronte del remain, e da Dominic Raab, sottosegretario alla giustizia promotore della Brexit.

“Il popolo britannico ha votato per un cambiamento. Ci hanno detto chiaramente che desiderano che il Regno Unito lasci l’Unione Europea e che il dominio del diritto europeo cessi. Ci hanno chiesto di restaurare il controllo democratico sulla politica per l’immigrazione e di spendere il loro denaro per le priorità della nazione”, ha scritto in un articolo apparso sullo Spectator.

Campagna regione lazio

“Abbiamo davanti a noi grandi sfide ma anche grandi opportunità”.

Gove è un caro amico di Cameron, malgrado le divergenze sull’Ue, ed è stato uno dei principali promotori all’interno del governo di controverse riforme dei servizi pubblici.

Gove ha dichiarato di voler affrontare dei dibattiti preliminari prima di attivare l’articolo 50, che dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno.

Andrea Leadsom, 53 anni, fronte del leave. Leadsom ha studiato scienze politiche all’università di Warwick prima di cominciare a lavorare nel settore bancario e finanziario per 25 anni. Ha lavorato anche alla Barclays.

Nel 1995 ha aiutato l’allora governatore della Banca d’Inghilterra, Eddie George, a rassicurare i mercati dopo il crollo della Banca Barings.

Leadsom è stata eletta deputata nel 2010 ed è stata sottosegretario alle Finanze prima di assumere il ruolo di ministro dell’Energia.

A sostenere Leadsom sono altri promotori della Brexit come il ministro per le Forze armate Penny Mordaunt e William Wragg, deputato eletto lo scorso anno.

“Vedo un’opportunità enorme nel risultato di questo referendum. Il Regno Unito potrebbe fare di meglio. Il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti sarà grandioso, ma ciò che dobbiamo fare adesso è unirci e trasformare questa opportunità in realtà”, ha dichiarato Leadsom in un video pubblicato su Twitter.

La candidata ha detto che non stabilirà una tempistica per l’attivazione dell’articolo 50, ma che si tratta di una questione urgente e che il Regno Unito deve affrontare l’uscita dall’Ue rapidamente per ridare sicurezza agli investitori.

Theresa May, 59 anni, fronte del remain. May è la figlia di un vicario della Chiesa inglese e ha studiato alla scuola statale prima di laurearsi a Oxford. Ha lavorato alla Banca d’Inghilterra ed è stata consigliere locale.

May è approdata in parlamento nel 1997 e nel 2022 è diventata il primo presidente donna del Partito Conservatore, ruolo nel quale si è guadagnata la reputazione di riformista per aver sostenuto che i conservatori dovevano liberarsi dell’etichetta di “partito cattivo”.

Sostenitrice fedele dei Tory, May è sicuramente una delle favorite alla leadership, soprattutto dal ritiro di Johnson.

È stimata per aver gestito sapientemente il dicastero per l’Ordine e la giustizia negli ultimi sei anni, mai nessuno aveva ricoperto così a lungo un ruolo ritenuto tra i più ostici.

Tuttavia, è stata criticata per non aver mantenuto la promessa fatta da Cameron di ridurre l’immigrazione a centomila arrivi l’anno.

Anche se May sosteneva la necessità di rimanere nell’Ue, non ha partecipato attivamente alla campagna del remain. Si è presentata come candidato unitario, capace di attrarre un ampio spettro di preferenze. Il suo principale sostenitore è il promotore della Brexit Chris Graylong.

“Brexit significa Brexit”, ha dichiarato May lanciando la propria candidatura. “C’è stata una campagna, c’è stato un voto, hanno partecipato molti cittadini che hanno emesso il loro verdetto. Non dovrà esserci alcun tentativo di restare nell’Ue né di rientrarci da un ingresso posteriore e nemmeno un secondo referendum”.

May sostiene che il Regno Unito deve presentarsi ai negoziati per l’uscita dall’Ue con una posizione chiara e che non ha fretta di attivare l’articolo 50 entro quest’anno.

Come viene scelto il leader del partito?

I deputati conservatori dovranno votare i cinque candidati martedì 5 luglio. Quello che riceverà meno voti sarà eliminato dalla corsa. Si svolgeranno altri turni giovedì 7 luglio e martedì 12 luglio, finché non rimarranno due candidati.

I due candidati finali si sfideranno per il voto dei tesserati del partito, circa 150mila persone. Solo coloro che erano già tesserati nel momento in cui è stata indetta l’elezione del nuovo leader di partito e che sono membri del partito da almeno tre mesi al momento del voto possono esprimere la loro preferenza.

Il leader sarà il candidato che avrà ricevuto più del 50 per cento dei voti e sarà annunciato il 9 settembre. Tutti i candidati hanno escluso che si possa andare alle elezioni parlamentari anticipate. Le prossime sono previste nel 2020.