Me

Nelle Filippine sono stati uccisi 30 spacciatori dal giuramento del presidente Duterte

Il nuovo capo di stato aveva promesso un giro di vite e ha mantenuto la parola. Da maggio oltre 100 persone sono state uccise senza processo

Immagine di copertina

Trenta spacciatori di droga sono stati uccisi nelle Filippine da quando Rodrigo Duterte ha prestato giuramento come presidente giovedì 30 giugno 2016. La polizia ha anche reso noto di aver sequestrato narcotici per un valore di circa 18 milioni di euro.

Duterte ha vinto le elezioni in maggio promettendo un giro di vite sul crimine e utilizzando una retorica violenta che ha preoccupato molti soprattutto rispetto all’idea della liceità delle uccisioni extragiudiziali.

Il capo della polizia della regione di Manila, Oscar Albayalde, ha dichiarato che cinque spacciatori sono stati uccisi domenica durante una sparatoria con la polizia in una baraccopoli vicina a una moschea nella zona del palazzo presidenziale.

“I miei uomini erano in procinto di consegnare gli avvisi di garanzia quando ci sono stati degli spari provenienti da una delle abitazioni dell’area”, ha riferito Albayalde ai giornalisti aggiungendo che gli agenti hanno risposto al fuoco uccidendo cinque uomini.

Le forze dell’ordine hanno poi rinvenuto 200 grammi di metamfetamine e quattro armi da fuoco. Altre tre persone sono state uccise in altre zone della capitale e 22 in altro quattro aree fuori dalla città.

Dall’elezione, avvenuta il 9 maggio scorso, oltre cento persone sono rimaste uccise durante operazioni anticrimine condotte dalla polizia. Si trattava di sospetti spacciatori, stupratori e ladri di automobili.

Edre Olaila, segretario generale dell’Unione nazionale degli avvocati del popolo, ha commentato che le uccisioni devono cessare.

“La minaccia rappresentata dalla droga deve finire… tuttavia, anche le esecuzioni sommarie di persone sospettate di fare uso di sostanze o piccoli signori della droga che sembrano repentine e pianificate devono cessare”.

Nella parte settentrionale dell’isola principale di Luzon, gli agenti antidroga e la polizia hanno sequestrato un carico di 180 chilogrammi di “shabu” (metamfetamine) del valore di circa 18 milioni di euro, proveniente dalla Cina o da Taiwan, ha reso noto il capo nazionale della polizia Ronald dela Rosa.

La droga era stata scaricata in alto mare e portata a riva da piccole imbarcazioni per la pesca prima di essere consegnata nella Chinatown di Manila.

Domenica, i ribelli del gruppo Maoista Esercito del nuovo popolo hanno diffuso una dichiarazione di supporto alla guerra di Duterte alla droga, dicendo che potrebbero avviare delle operazioni antidroga contro soldati, poliziotti e funzionari locali.