Me
Due ragazze in autostop attraverso l’Europa contro la paura dello straniero
Condividi su:

Due ragazze in autostop attraverso l’Europa contro la paura dello straniero

Evelyn e Francesca hanno deciso di spostarsi in autostop attraverso 12 nazioni in 15 giorni per promuovere l'unità tra i popoli europei

30 Giu. 2016

Con l’estate arrivano (per alcuni) le vacanze, e spesso per
molti è l’occasione per dedicarsi a viaggi rilassanti con mete confortevoli che
facciano dimenticare lo stress dei mesi lavorativi.

Non è esattamente così per Evelyn e Francesca, due ragazze
che hanno deciso di sfidare ogni tentazione del comfort e del relax per
imbarcarsi in un’avventura decisamente coraggiosa che, però, finora sta dando
risultati molto soddisfacenti. Le due giovani sono infatti partite pochi giorni
fa da Bologna e sono nel bel mezzo di un tour dell’Europa in autostop
denominato “On Europe”, che le ha già viste passare per Lubijana, Vienna, Varsavia,
Kaunas, Riga e Tallinn e le porterà a breve anche a Stoccolma, Copenhagen,
Amburgo, Bremen e Amsterdam.

Il tutto in quindici giorni, e con il particolare non
trascurabile che ogni soggiorno sarà in couchsurfing, ovvero chiedendo ospitalità a gente del luogo
disposta a offrire un posto letto per una notte o due.

Della loro avventura, che ha trovato uno sponsor nell’agenzia
di viaggi Vagamondo, dicono: “Il progetto nasce in risposta al momento storico
che stiamo vivendo: dalla Brexit alla rimonta del populismo, del nazionalismo,
dalla crisi dei migranti alla particolare imprevedibilità del futuro.

Crediamo fermamente che la nostra generazione, ora più che mai, abbia bisogno di storie
di coraggio e fiducia nel prossimo, eccoci qua a raccontarne una: un viaggio in
Europa tutto in autostop, dodici stati in quindici giorni, in cui abbracciamo
le diversità, combattiamo la paura dello sconosciuto per dimostrare che con
l’unità ogni progetto è possibile”.

Visto l’interesse generato da un’iniziativa simile, le due
ragazze stanno scrivendo ogni giorno un diario dei loro spostamenti, e stanno pubblicando le foto più significative del viaggio sulla pagina facebook ad esso
dedicata, dove potete continuare a seguire l’avventura nei prossimi giorni.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus