Me

Apple brevetta un sistema per evitare foto e video ai concerti

L'azienda di Cupertino ha brevettato in questi giorni un software che sarebbe in grado di disattivare il funzionamento dei dispositivi di cattura di immagini e video

Immagine di copertina

Sarà capitato a molti, negli ultimi anni, di partecipare a
un concerto o a un evento collettivo di qualsiasi tipologia e di vedersi
circondati da migliaia di braccia alzate con l’intento di fotografare o
riprendere la scena con un cellulare.

Se infatti in passato l’abitudine di portare una macchina
fotografica o una videocamera con sé a questo genere di raduni era abitudine di
pochi appassionati, con l’avvento degli smartphone tutto è cambiato, e spesso
si preferisce concentrarsi sulle proprie foto e riprese piuttosto che sull’evento
che si svolge dal vivo di fronte ai nostri occhi.

Se questo comportamento finora vi ha innervosito, sembra che
la soluzione sia in arrivo: Apple ha infatti brevettato in questi giorni un
software che sarebbe in grado di disattivare il funzionamento dei
dispositivi di cattura di immagini e video in determinati luoghi, come sale da
concerto o cinema.

Il dispositivo funzionerebbe attraverso l’emissione di raggi
infrarossi, che una volta captati dallo smartphone disattiverebbero automaticamente
la possibilità di accedere a fotocamera e videocamera.

Al momento non ci sono però certezze riguardo all’intenzione
di Apple di installare software di questo tipo sui propri prodotti, ed è
possibile che il sistema resti tra i moltissimi brevetti di Apple non
utilizzati.

Quello che è certo è che sono diversi gli artisti, tra
musicisti e performer di vario genere, che invocano da tempo un sistema per far
sì che i loro spettacoli non vengano costantemente disturbati dalle luci dei
telefoni e soprattutto che i video non vengano diffusi in rete senza
autorizzazione subito dopo l’evento, o in alcuni casi in diretta tramite
Periscope.

Già negli ultimi mesi era stata resa nota la recente
abitudine della cantante statunitense Alicia Keys, che ha obbligato i suoi fan
a introdurre i loro smartphone in una sorta di custodia tecnologica distribuita
all’ingresso dei suoi concerti in grado di bloccarne l’uso per la durata dello
show.

Per non parlare della reazione stizzita di Adele verso una
fan durante il suo recente concerto all’Arena di Verona, quando la cantante
britannica, rivolgendosi a una ragazza del pubblico, ha detto: “Puoi smettere
di filmarmi, per favore? Sono qui, nella vita reale. Puoi goderti il tutto dal
vivo, senza passare per una videocamera. Questo non è un dvd, è un concerto
vero!”