Me
Uno zio del presidente siriano Assad è stato messo sotto indagine in Francia
Condividi su:

Uno zio del presidente siriano Assad è stato messo sotto indagine in Francia

Rifaat al-Assad, ex vice presidente e oggi oppositore del regime del nipote, è indagato per corruzione, evasione fiscale e riciclaggio di denaro

28 Giu. 2016

Un giudice francese ha messo sotto indagine uno zio del presidente siriano Bashar al-Assad per evasione fiscale e riciclaggio di denaro, ha riferito una fonte vicina al caso martedì 28 giugno 2016.

Rifaat al-Assad, ex vice presidente e ora oppositore del regime del nipote, è sospettato di aver acquisito i propri beni in maniera illegale ed è stato messo sotto indagine il 9 giugno dopo essere stato interrogato da un giudice tributario.

Gli è vietato lasciare la Francia tranne che per i viaggi a Londra per motivi di salute.

Due associazioni anti-corruzione avevano presentato denunce nei suoi confronti nel 2013 e l’anno seguente le autorità francesi hanno cominciato le indagini per verificare se ci fossero prove di corruzione e riciclaggio di denaro.

Il suo avvocato non ha voluto rilasciare dichiarazioni mentre persone a lui vicine hanno detto che la sua ricchezza non proviene dalla Siria.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus