Me
L’amnesia del Regno Unito che può costare cara all’Europa
Condividi su:

L’amnesia del Regno Unito che può costare cara all’Europa

Il commento di Olimpia Troili sul referendum del 23 giugno nel Regno Unito

24 Giu. 2016

L’Unione Europea è nata all’indomani di quella che è stata la più grande guerra d’Europa e del mondo ma i nazionalismi sono forze secolari storiche capaci di esercitare una trazione enorme.

L’Unione Europea è un progetto che ha garantito pace e prosperità ai popoli europei per un lungo periodo, il più lungo della storia privo di conflitti sul suo territorio.

Oggi noi cittadini europei che viviamo nell’area di libero scambio più grande al mondo sembriamo aver dimenticato cosa le recrudescenze nazionaliste sono in grado di alimentare se esasperate.

Sembriamo aver dimenticato di essere continuamente esposti a potenziali conflitti quando non riconosciamo di avere qualcosa in comune, compresi interessi oltre che qualità, sembriamo aver dimenticato che uniti siamo più forti.

Le spinte centrifughe stanno allentando l’Europa prima che si sia riusciti a trovare un giusto assetto istituzionale e politico a coronamento del progetto. Io avverto: l’amnesia può costare caro.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus