Me
Oggi è la Giornata internazionale dello yoga
Condividi su:

Oggi è la Giornata internazionale dello yoga

La Giornata è stata istituita dall'Onu nel 2014 con la promozione del primo ministro indiano Modi, che oggi ha partecipato a una sessione collettiva con 30mila persone

21 Giu. 2016

In tutto il mondo si celebra oggi, 21 giugno, la Giornata internazionale dello yoga, evento che le Nazioni Unite hanno istituito nel 2014,
quando 175 paesi membri hanno approvato la proposta dell’India, paese
storicamente associato a questa pratica di esercizio fisico e mentale.

La Giornata mira a sensibilizzare tutto il mondo sui molti
benefici della disciplina, ed è stata fortemente voluta dal primo ministro
Narendra Modi, che durante il suo discorso d’apertura della 69esima sessione dell’Assemblea
generale ha detto: “Lo yoga è un dono inestimabile della
nostra antica tradizione. Lo yoga incarna l’unione di mente e corpo, pensiero e
azione… Un approccio olistico prezioso per la nostra salute e per il nostro
benessere. Lo yoga non è solo esercizio; è un modo per scoprire il senso di
unità tra se stessi, il mondo e la natura”.

In una dichiarazione, anche il Segretario generale dell’Onu
Ban Ki-moon ha sottolineato i vantaggi globali della disciplina: “Lo yoga
è uno sport che può contribuire allo sviluppo e alla pace. Lo yoga inoltre può aiutare persone che si
trovano in situazioni di emergenza a trovare sollievo dallo stress”.

Il primo ministro indiano Modi, 65 anni, ha quindi dato
seguito alle sue parole di elogio della disciplina unendosi oggi a circa 30mila altri partecipanti in una
sessione d’esercizio di massa nella città settentrionale di Chandigarh.

Nella gallery, le foto dell’evento e dei tanti altri sparsi nel mondo organizzati da quanti hanno voluto celebrare la Giornata praticando
collettivamente la disciplina.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus