Me
Una gravissima siccità ha colpito il Vietnam
Condividi su:

Una gravissima siccità ha colpito il Vietnam

L'agenzia umanitaria dell'Unione Europea avverte che 1 milione di persone sono a rischio fame e 2 milioni non hanno accesso all'acqua potabile

20 Giu. 2016

In Vietnam, 1 milione di persone ha urgente bisogno di assistenza alimentare mentre 2 milioni non hanno accesso all’acqua potabile a causa di una grave siccità causata dal fenomeno atmosferico El Niño. 

Si tratta della peggiore siccità nel paese degli ultimi 90 anni che, combinata all’eccessiva penetrazione di acqua salata nel delta del fiume Mekong, ha distrutto le coltivazioni di frutta, riso e zucchero di quello che era il terzo esportatore mondiale di riso dopo India e Thailandia.

“L’interruzione delle precipitazione ha colpito i mezzi di sostentamento, la sicurezza alimentare e l’accesso all’acqua potabile dei vietnamiti”, ha dichiarato Christos Stylianides, commissario dell’Unione Europea per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi.

Il ramo umanitario dell’Unione, l’Echo, erogherà 2 milioni di euro in fondi di emergenza.

“Questo contributo da parte dell’Ue aiuterà a fornire assistenza salvavita alle famiglie colpite in un momento critico, assicurando che le loro necessità di base siano soddisfatte”, ha aggiunto Stylianides.

L’acqua salata del mare è penetrata nel delta del fiume Mekong più profondamente del solito, circa 25 chilometri in più delle medie annuali.

“Anche se il governo ha preso delle misure tempestive e lanciato alcune iniziative preventive, le dimensioni del disastro hanno superato le previsioni, andando oltre la capacità locale di reazione”.

Le previsioni del tempo hanno avvertito della possibilità che La Niña, la controparte del Niño, porti intense piogge sul Vietnam nella seconda parte del 2016.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus