Me
Quattro bambini siriani uccisi dalla polizia di frontiera turca
Condividi su:

Quattro bambini siriani uccisi dalla polizia di frontiera turca

Il confine turco-siriano con i suoi 900 chilometri di lunghezza è stato teatro di numerose violenze compiute dalle guardie di frontiera ai danni dei richiedenti asilo

19 Giu. 2016

La polizia di frontiera turca ha ucciso domenica 19 giugno almeno otto rifugiati siriani, tra cui quattro bambini e una donna, che stavano cercando di attraversare il confine. Altre otto persone sono rimaste ferite.

A denunciarlo l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

L’incidente è avvenuto vicino alla città siriana di Jisr al-Shugou, controllata dai gruppi estremisti lungo il confine settentrionale.

Ankara ha chiuso le frontiere con la Siria alcuni mesi fa. Finora più di 2,7 milioni di persone sono fuggite dalla nazione in guerra per cercare asilo in Turchia.

La polizia si è difesa sostenendo di essere stata ingiustamente attaccata: “Non siamo capaci di verificare le accuse riguardo alla presunta sparatoria, ma stiamo indagando”, ha dichiarato un ufficiale all’agenzia stampa Associated Press.

Non è la prima volta che succedono incidenti del genere. A maggio Human Rights Watch aveva accusato il governo di Ankara di “un uso eccessivo della forza” contro i rifugiati.

Il confine turco-siriano con i suoi 900 chilometri di lunghezza è stato teatro di numerose violenze compiute dalle guardie di frontiera turche ai danni dei richiedenti asilo siriani.

Secondo i dati dell’Osservatorio dei diritti umani, la polizia di frontiera di Ankara ha sparato dall’inizio almeno sessanta civili sono stati.

LEGGI ANCHE: TURCHIA, LE ATROCITÀ DELLA POLIZIA DI FRONTIERA AL CONFINE CON LA SIRIA

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus