Me

Chi è Roberto Giachetti e cosa vuole fare a Roma, punto per punto

Con il 24,87 per cento dei voti, il candidato del PD a sindaco di Roma è arrivato al ballottaggio. Ecco cosa vuole fare per la capitale

Immagine di copertina

Roberto Giachetti è il candidato sindaco di una coalizione formata da Partito Democratico, Lista Civica Giachetti, Più Roma Democratici e Popolari, Radicali, Una Rosa per Roma, Verdi e Italia dei Valori, che al primo turno è arrivato in seconda posizione con il 24,87 per cento dei voti, che gli ha permesso di arrivare al ballottaggio.

Giachetti è nato a Roma nel 1961, e attualmente ricopre la carica di vicepresidente della Camera dei deputati, dove è stato eletto per il Partito Democratico. La sua esperienza politica è iniziata presso il Partito Radicale, dal quale è poi passato ai Verdi, per poi aderire alla Margherita e quindi al Partito Democratico.

Dopo essere stato capo di gabinetto del comune di Roma durante l’amministrazione Rutelli (1993 – 2001), nel 2001 è stato eletto in parlamento. Nel 2016 il centrosinistra lo ha designato attraverso le primarie candidato sindaco di Roma, dopo aver sconfitto l’ex assessore all’Urbanistica Roberto Morassut, il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, Stefano Pedica, Chiara Ferraro e Gianfranco Mascia.

METRO C

A livello di traffico, la principale proposta di Roberto Giachetti è quella di completare la metro C, facendola proseguire oltre il tratto in costruzione che da Piazza Lodi (attuale provvisorio capolinea occidentale della linea) porterà la metropolitana fino a Piazza Venezia, nel pieno centro cittadino.

OLIMPIADI

Roberto Giachetti si è sempre detto favorevole all’organizzazione delle Olimpiadi del 2024 a Roma, per cui il CONI ha ufficialmente depositato la candidatura. Secondo Giachetti si tratta di un’opportunità unica per Roma, che oltre a un notevole prestigio internazionale garantirebbe alla città 170mila nuovi posti di lavoro.

In quest’ambito, Giachetti ha detto chiaramente che parallelamente alla candidatura olimpica è necessario promuovere lo sport nei quartieri. In questo senso ha promesso, in accordo con il CONI, la realizzazione di 15 playground – campi sportivi attrezzati per diverse discipline – uno per ogni municipio di Roma.

A chi sostiene che le Olimpiadi siano solo un’occasione per sprecare denaro pubblico e favorire la corruzione, Giachetti ha risposto che quando durante la preparazione del Giubileo del 2000 lui era capo di gabinetto del comune di Roma, sono state realizzare numerose infrastrutture senza che arrivasse alcun avviso di garanzia.

STADIO DELLA ROMA

Roberto Giachetti si è detto favorevole a realizzare il nuovo stadio di proprietà nell’area dell’ex ippodromo di Tor di Valle, lungo la Via Ostiense. Il progetto prevede la costruzione accanto allo stadio di edifici ad uso commerciale e di tre grattacieli disegnati dall’architetto statunitense Daniel Libeskind.

RIFIUTI

Sulla questione dei rifiuti, Roberto Giachetti ha proposto l’aumento della raccolta differenziata a Roma fino a oltre il 60 per cento attraverso la promozione del metodo di raccolta dei rifiuti porta per porta e la realizzazione di un’isola ecologica ogni 70mila abitanti. Parallelamente a questo, Giachetti propone l’abbassamento della Tari, la tassa sui rifiuti, del 20 per cento.

SICUREZZA

Per combattere la malavita e ridurre i reati, Giachetti ha proposto l’attivazione di nuove telecamere in città, da mettere a sistema insieme a quelle già esistenti, comprese quelle dei privati, in modo da poter prevenire ed eventualmente punire i reati nella capitale.

STRADE E TRASPORTI

Per risolvere lo storico problema della manutenzione stradale, Giachetti ha proposto la creazione di 15 task force, una per ogni municipio, da contattare per segnalare buche e problemi del manto stradale, in modo che questi possano avere modo di intervenire più tempestivamente possibile, segnalando modi e tempi della riparazione.

Per rendere più efficienti i trasporti pubblici, Giachetti ha proposto di creare maggiori corsie preferenziali a senso di marcia opposto, come quella ad esempio di Via Nazionale che, essendo contromano rispetto alla corsia normale, non può fisicamente essere percorsa dai veicoli non autorizzati.

GIUNTA

Campagna regione lazio

Giachetti ha reso nota quella che sarà la sua giunta a due settimane dal giorno delle elezioni. Nella sua giunta, composta da una maggioranza di donne, spiccano i nomi dell’ex ministro Livia Turco come assessore alle politiche sociali e del magistrato Alfonso Sabella come capo di gabinetto.

SCUOLE

Roberto Giachetti ha proposto di aumentare il numero di asili nido, proponendovi nuove formule in termini di orario per venire incontro alle esigenze delle donne lavoratrici. Riguardo le altre scuole, Giachetti propone di tenerle aperte, in modo da creare maggiori spazi di aggregazione volti alla promozioni di attività creative e culturali.

LEGGI ANCHE: Una giornata con Roberto Giachetti