Me

Cosa è successo il 16 giugno nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

Immagine di copertina

Egitto: il registratore della cabina di pilotaggio del volo EgyptAir MS804, precipato nel Mediterraneo il 19 maggio 2016, è stato ritrovato dalle squadre di ricerca. Pur essendo danneggiata, il team di recupero è riuscito a estrarre la memoria della scatola nera, una delle due a bordo del velivolo, che sarà ora analizzata dagli investigatori egiziani e potrà fornire importanti informazioni sulle cause dell’incidente costato la vita alle 66 persone a bordo dell’aereo.

– Stati Uniti: il corpo senza vita del bambino di due anni azzannato e ucciso da un alligatore a Orlando, in Florida, è stato recuperato dai sommozzatori completamente intatto non lontano dal punto in cui era stato trascinato via dall’animale 18 ore prima. Lane Graves, di Elk Horn, in Nebraska, era in vacanza con la famiglia nel parco divertimenti Disney World. Ora si attendono i risultati dell’autopsia, ma secondo le autorità locali il bambino è stato annegato dall’alligatore.

Donald Trump, candidato repubblicano in pectore alla presidenza degli Stati Uniti, ha affermato di voler proporre il divieto per i sospettati di terrorismo di comprare armi in territorio americano. La dichiarazione arriva in seguito alla strage di Orlando, durante la quale Omar Mateen ha ucciso 50 persone nel nightclub Pulse, frequentato dalla comunità Lgbt locale. In precedenza, Mateen era stato inserito nella lista dei sospettati di terrorismo dell’Fbi, poi era stato rimosso in quanto ritenuto non pericoloso. Trump è un grande sostenitore del diritto al possesso delle armi, ma negli ultimi giorni i repubblicani sono stati messi sotto pressione da parte dell’opinione pubblica americana, sempre più indignata per le numerose stragi che avvengono nel paese.

– Regno Unito: la deputata britannica del Partito Laburista Jo Cox, di 41 anni, è morta dopo che un uomo l’aveva aggredita con un coltello e un’arma da fuoco a Birstall, nei pressi di Leeds, nel nord della Gran Bretagna. La polizia del West Yorkshire ha reso noto che è stato arrestato un uomo di 52 anni, ma non sono ancora chiari la dinamica e il movente dell’aggressione.

– Gibilterra: il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy si è detto molto scontento del fatto che il premier britannico David Cameron si sia recato a Gibilterra per fare campagna elettorale per la permanenza del Regno Unito nell’Unione europea. Gibilterra è infatti un territorio d’Oltremare del Regno Unito, perciò il suo destino europeo è strettamente legato all’esito del referendum sul Brexit che si terrà il 23 giugno.Il voto determinerà se il Regno Unito, e quindi anche i territori sotto la sua sovranità, abbandoneranno o rimarranno parte dell’Unione. Gibilterra è però un caso particolare. Spagna e Regno Unito si contendono questa striscia di terra strategica all’ingresso del Mar Mediterraneo, e confinante con la comunità autonoma spagnola dell’Andalusia, sin dal Settecento, quando Madrid la cedette a Londra con il trattato di Utrecht (1713). La Spagna non ha mai esplicitamente riconosciuto la sovranità britannica su Gibilterra, ritenendo il trattato un anacronismo dell’era coloniale.

– Iraq: una volta che l’Isis sarà stato sconfitto, l’Iraq dovrà essere diviso in tre entità separate, creando uno stato sciita, uno sunnita e uno curdo, per prevenire lotte fratricide di stampo confessionale, ha dichiarato Masrour Barzani, capo del consiglio di sicurezza del Kurdistan iracheno e figlio del presidente della regione autonoma. Tuttavia, esponenti sunniti hanno commentato che la spartizione del territorio e delle risorse porterà a nuovi conflitti e che le diverse comunità dovranno lavorare insieme per amministrare congiuntamente il paese.

– Francia: nella notte tra il 15 e il 16 giugno ci sono stati nuovi scontri tra tifosi e polizia nella città di Lille, in Francia, dove è in corso il campionato europeo di calcio, per un bilancio totale di 36 arrestati e 16 ricoverati in ospedale. I supporter inglesi, presenti in città in occasione della partita di oggi tra Inghilterra e Galles (vinta dalla prima 2 a 1) nella vicina Lens, a 40 chilometri da Lille, dopo la mezzanotte hanno iniziato a provocare e inseguire i tifosi francesi che festeggiavano la vittoria della loro nazionale contro l’Albania. La polizia è quindi intervenuta per disperdere gli inglesi, usando lacrimogeni e spray al pepe. Le forze dell’ordine sono dovute intervenire anche contro i tifosi francesi e gallesi che si trovavano nel centro cittadino a quell’ora.

– Canada: la camera dei comuni canadese ha approvato una legge che, in nome della parità di genere, modifica il testo della versione inglese dell’inno nazionale. O Canada è stato composto nel 1880 in francese, mentre la sua versione anglofona è stata adottata nel 1908. La determinazione del primo ministro canadese Justin Trudeau sulla parità di genere ha permesso questa volta di arrivare alla storica svolta.