Me

Dal 22 al 26 giugno il War Reporting Training Camp per giornalisti in contesti di guerra

Si svolgerà dal 22 al 26 giugno in Valle d'Aosta, il corso intensivo rivolto a giornalisti o operatori umanitari per imparare a muoversi in un contesto di guerra

Immagine di copertina

Si svolgerà dal 22 al 26 giugno ad Arvier, in Valle d’Aosta, il War Reporting Training Camp, la scuola
per giornalisti e operatori umanitari che lavorano in contesti di guerra.

Solo nel 2015, secondo Reporter senza Frontiere, i reporter
rapiti e tenuti in ostaggio sono stati 54: 26 in Siria, 13 in Yemen, 10 in Iraq
e 5 in Libia. In generale, 787 giornalisti e operatori della comunicazione sono
stati uccisi negli ultimi 10 anni.
 

Con il graduale peggioramento delle condizioni di sicurezza
a livello globale, determinato soprattutto da una diffusione di estremismi
religiosi ed etnici e dal cambiamento degli scenari bellici, infatti, i rischi
per chi lavora nel settore dell’informazione ma anche per gli operatori
umanitari continuano ad aumentare.

È in questo contesto che si svolge anche quest’anno il War
Reporting Training Camp, nato da un’idea dei fotoreporter Ugo Borga e Loredana
Taglieri (Associazione Six Degrees) e dal giornalista Cristiano Tinazzi: la
scuola, che si tiene dal 22 al 26 giugno ad Arvier, in Valle d’Aosta, è
organizzata grazie alla collaborazione di Stato Maggiore della Difesa e alla
partecipazione di operatori esperti in primo soccorso e tecniche di ricerca e
recupero persone e orientamento.
 

Cinque giorni durante i quali verranno impartite ai
partecipanti – giornalisti, operatori umanitari, professionisti che operano in
aree di crisi – lezioni teoriche (analisi della tipologia del conflitto; armi
convenzionali e non convenzionali; rapporti con milizie armate; sicurezza
informatica) e addestramenti specifici sul terreno (primo soccorso;
orienteering; utilizzo di dispositivi di protezione individuale) utili ad
acquisire capacità e competenze indispensabili per muoversi consapevolmente in
un contesto di guerra nelle migliori condizioni di sicurezza possibili e per
riuscire, quindi, ad affrontare situazioni caratterizzate da forte criticità e
pericolo imminente.

Questo un trailer di presentazione dell’evento:

 

Per ulteriori dettagli su programma e contatti è possibile consultare la
pagina Facebook della scuola.