Me
Il primo trailer di The Young Pope, la serie tv di Paolo Sorrentino
Condividi su:

Il primo trailer di The Young Pope, la serie tv di Paolo Sorrentino

È stato diffuso il primo teaser trailer della miniserie The Young Pope, la nuova fatica di Paolo Sorrentino, che ha diretto Jude Law nel ruolo del protagonista

15 Giu. 2016

È stato diffuso nella mattinata di mercoledì 15 giugno il
primo breve trailer della miniserie The
Young Pope
, la nuova fatica di Paolo Sorrentino, già regista premio Oscar
de La grande bellezza e Youth.

Nel video di circa un minuto si sente la voce di Jude Law,
star internazionale che in quest’occasione vestirà il ruolo di Lenny Belardo
alias Pio XIII, un immaginario “giovane papa” che, mentre scorrono alcune
immagini misteriose ed eleganti, come nello stile abituale di Sorrentino, si
definisce una contraddizione vivente:

“Chi sei tu, Lenny?”

“Sono una contraddizione. Come Dio, uno e trino. Come
Maria, vergine e madre. Come l’uomo, buono e cattivo.”

“Che intendi fare?”

“La rivoluzione.”

La serie è una produzione di Sky, HBO e Canal+, e andrà in
onda da ottobre su Sky in cinque paesi: Italia, Regno Unito, Germania, Irlanda
e Austria, oltre che in Francia su Canal+.

Oltre al protagonista Jude Law, anche l’attrice premio Oscar
Diane Keaton (indimenticata musa di Woody Allen) nei panni di Suor Mary, Silvio
Orlando (nel ruolo del Cardinal Voiello) e il noto attore statunitense James
Cromwell (Cardinal Michael Spencer).

Secondo le prime indiscrezioni sulla trama che sono state
fatte filtrare dai produttori, la storia vede l’elezione di Jude Law come giovane
e affascinante nuovo papa, apparentemente come risultato di una strategia
mediatica del collegio cardinalizio. Ma il giovane Pio XIII si rivela una
contraddizione in tanti modi diversi: scaltro e ingenuo, ironico e pedante,
antico e modernissimo, dubbioso e risoluto, addolorato e spietato.

Questo il teaser trailer della serie:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus