Me

Stefano Cucchi fu torturato come Giulio Regeni

In un post su Facebook, Ilaria Cucchi riporta le parole del procuratore generale dalla Corte d'Assise, secondo cui il fratello fu ucciso dai "servitori dello Stato"

Immagine di copertina

Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, morto in circostanze ancora non chiarite il 22 ottobre 2009 all’ospedale Sandro Pertini di Roma, ha accomunato in un post su Facebook la morte del fratello a quella di Giulio Regeni, ricercatore italiano il cui cadavere è stato ritrovato al Cairo il 3 febbraio 2016.

Queste le parole di Ilaria Cucchi, che cita il procuratore generale di Cassazione impegnato nel processo d’appello-bis relativo al caso:

“Oggi al processo contro i medici, alla corte d’assise di appello di Roma, accade questo.

Il procuratore generale inizia la sua requisitoria affermando chiaramente che Stefano è stato vittima di tortura come Giulio Regeni.

“Stefano è stato ucciso dai servitori dello Stato” 

“si tratta di stabilire solo il colore delle divise”.

Ilaria Cucchi è da tempo promotrice di iniziative che portino al riconoscimento del reato di tortura in Italia, attualmente non previsto dal codice penale italiano.