Me

L’Inter è di proprietà del gruppo cinese Suning

Il club calcistico milanese ha un nuovo proprietario: il magnate cinese Jindong Zhang ha acquisito l'Inter per 270 milioni di euro

Immagine di copertina

L’Inter è stata rilevata dal Suning Holding Group, gruppo imprenditoriale cinese che opera in diversi settori commerciali. Erick Thohir, presidente indonesiano dell’F.C. Internazionale Milano, ha ceduto la maggioranza della società nerazzurra per 270 milioni di euro.

Il 68,55 per cento delle quote passa al gruppo cinese di Jindong Zhang, il primo in capo a una squadra di calcio della Serie A italiana.

Lo storico presidente onorario Massimo Moratti, che nel 2010 ha riportato la Champions League (il trofeo continentale più prestigioso) nella Milano nerazzurra, esce di scena, cessando di essere azionista. Thohir continuerà a essere presidente e azionista di minoranza.

Jindong Zhang, entusiasta per il raggiungimento dell’accordo, ha dichiarato: “Il calcio in Cina cresce in modo esponenziale. Il nostro Paese diventerà la seconda patria nerazzurra. Inoltre, gli investimenti e le risorse di Suning renderanno l’Inter capace di tornare a gloriosi successi e diventare sempre più forte, attraendo le stelle del calcio mondiale”.

L’ingresso dei nuovi proprietari cinesi nell’Inter dovrebbe portare maggiore competitività e nuovi investimenti in un calcio italiano che, negli ultimi anni, è rimasto indietro rispetto a palcoscenici sportivi come i campionati spagnolo, inglese e tedesco.

Il gruppo Suning è uno delle prime tre compagnie private cinesi in termini di vendite, con più di 1.600 attività commerciali in Asia orientale. L’Inter è stata fondata nel 1908.