Me
La piena della Senna minaccia Parigi
Condividi su:

La piena della Senna minaccia Parigi

Il museo del Louvre è stato chiuso per mettere le opere d'arte al sicuro, interrotte alcune linee della metropolitana

02 Giu. 2016

La piena del fiume Senna, prevista per stanotte, spaventa Parigi. Dopo alcuni giorni di maltempo nella capitale francese il livello del fiume ha raggiunto quota 4.9 metri: è il più alto registrato negli ultimi 15 anni, dal 2001.

Volontari della protezione civile stanno mettendo sacchi di sabbia lungo la Senna a protezione dell’argine. Il servizio in alcune linee della metropolitana che fiancheggiano il corso del fiume è stato interrotto.

Il museo del Louvre da venerdì 3 giugno rimarrà chiuso al pubblico per ragioni di sicurezza. “L’obiettivo è quello di spostare le opere d’arte situate in aree a rischio in caso di inondazione e metterle al sicuro nei piani superiori”, ha fatto sapere la direzione del museo.

Dopo un giorno di tregua, forti piogge sono previste durante fine settimana in tutto il centro EuropaNella provincia della Loira, a sud di Parigi, in tre giorni è caduto il livello di pioggia medio di sei settimane.  Si tratta della peggiore inondazione dal 1910.

Circa 120mila abitazioni sono rimaste senza elettricità. Alcune strade e ferrovie sono state chiuse a causa del fango. Sono state evacuate migliaia di case e i vigili del fuoco hanno ricevuto migliaia di chiamate di persone rimaste intrappolate nelle loro abitazioni. Una donna di 86 anni è stata trovata morta annegata nella sua casa.

Uno dei paesi più colpiti è stato quello di Nemours, a sud di Parigi, rimasto completamente sommerso dal fiume Loing, un affluente della Loira che è esondato. Tremila persone sono state evacuate dal centro abitato.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus