Me
Cosa è successo il 1° giugno nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 1° giugno nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

01 Giu. 2016

Canada: alcuni residenti di Fort McMurray, città canadese dell’Alberta, hanno iniziato a tornare nelle proprie case per la prima volta dopo che un gravissimo incendio aveva devastato la città, provocando almeno 90mila sfollati. Tre quartieri della città che sono risultati i più danneggiati rimangono ancora off-limits. I 9mila abitanti di quelle aree non potranno fare ritorno a casa nel prossimo futuro.

– Somalia: Almeno dieci persone hanno perso la vita nell’esplosione di un’autobomba davanti all’ingresso di un hotel di Mogadiscio, la capitale della Somalia. Il bilancio, secondo fonti di polizia locale è destinato a salire perché uomini armati sono stati visti entrare nell’hotel. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo terroristico al Shabaab. 

– Stati Uniti: le autorità americane hanno lanciato l’allarme su possibili attacchi terroristici che potrebbero verificarsi durante l’estate in Europa, in particolare per i campionati europei di calcio, il tour de France e la giornata mondiale della gioventù in Polonia. L’allerta è rivolta soprattutto ai cittadini americani che andranno in Francia durante gli europei di calcio. 

– Thailandia: la guardia forestale thailandese ha fatto irruzione in un tempio buddista nella provincia di Kanchanaburi che allevava illegalmente le tigri. Più di 50 sono state sequestrate e trasferite, mentre 40 sono state trovate morte in un congelatore. 

– Stati Uniti: la storia del gorilla ucciso allo zoo di Cincinnati che ha fatto il giro del mondo, dividendo l’opinione pubblica, potrebbe avere dei risvolti penali. La polizia sta infatti indagando sulle responsabilità dei genitori del bambino che era caduto nel recinto dell’animale. Le autorità hanno specificato che l’inchiesta giudiziaria riguarda solo la famiglia del bambino e non lo zoo di Cincinnati. 

– Svizzera: è stato inaugurato il tunnel ferroviario più lungo e profondo del mondo, che attraverserà le Alpi, velocizzando i collegamenti nazionali ed europei. La nuova galleria sotterranea, realizzata in 17 anni di lavori, attraverserà il massiccio del San Gottardo per 57 chilometri. 

– Corea del Nord: un altro endorsement per il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump. Questa volta arriva dalla Corea del Nord, storica nemica di Washington. Un editoriale del sito propagandistico DPRK Today lo ha elogiato, definendolo un “politico saggio che può liberare gli americani dalla paura quotidiana di un attacco nucleare della Corea del Nord”. 

– Europa: Facebook, Twitter, Google, YouTube e Microsoft hanno accettato un codice di condotta dell’Unione europea per combattere ogni forma di incitamento all’odio su Internet, che prevede controlli più severi e rapidi per quanto riguarda i post offensivi. 

– Arabia Saudita: il governo saudita ha condannato a morte 14 persone con l’accusa di terrorismo. Secondo i dati di Amnesty International del 2015, la pena capitale in Arabia Saudita uccide una persona ogni due giorni. Dal 1985 al 2015 almeno 2.208 persone sono state vittime di esecuzioni capitali nel paese.

– Egitto: la marina francese ha individuato la scatola nera del volo Egyptair.  A captare il segnale è stata la nave da ricognizione Laplace A793, che stava scandagliando l’area del Mediterraneo dove sono stati trovati altri resti del velivolo precipitato. Nei prossimi giorni un apposito robot verrà fatto immergere in profondità per recuperarla.

– Italia: Nel mondo vivono 45,8 milioni di schiavi. È stato pubblicato oggi il Global slavery index, che analizza i dati di 167 paesi. India e Cina contano da sole milioni di persone ridotte in schiavitù.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus