Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 30 maggio 2016

30 Mag. 2016

Siria: l’esercito turco ha ucciso almeno 28 miliziani islamici a nord di Aleppo in risposta agli attacchi missilistici contro la provincia turca di Kilis, al confine tra i due paesi. 

– Iraq: l’esercito iracheno prosegue l’operazione militare per la riconquista di Falluja, iniziata la scorsa settimana per riprendere la città dal controllo del sedicente stato islamico. 

– Siria: il leader dell’Alto comitato per i negoziati dell’opposizione siriana, Mohammed Alloush, ha lasciato il suo incarico dopo il fallimento dell’ultimo round di negoziati sotto l’egida delle Nazioni Unite di Ginevra. 

– Turchia: il ministro degli Esteri turco si recherà in Libia per il processo di riapertura dell’ambasciata a Tripoli. 

– Brasile: continua la caccia ai 30 presunti aggressori della ragazza di sedici anni stuprata a Rio de Janeiro la settimana scorsa, il cui video è stato pubblicato sui social network, scatenando l’indignazione popolare. La polizia sta setacciando alcuni quartieri. 

– Arabia Saudita: Teheran e Riad non hanno trovato un accordo sul pellegrinaggio annuale a La Mecca, quindi i cittadini iraniani a settembre non prenderanno parte all’Hajj. Il pellegrinaggio l’anno scorso ha provocato oltre 700 vittime schiacciate nella calca di pellegrini. Dal mese di gennaio 2016 le relazioni tra i due paesi sono molto tese. 

– Australia: lo sbiancamento massiccio dei coralli ha distrutto almeno il 35 per cento della Grande barriera corallina, hanno messo in guardia gli scienziati australiani che avvertono si tratti di un durissimo colpo per il Patrimonio dell’umanità. 

– Giordania: il re Abdullah ha sciolto il parlamento e nominato un nuovo primo ministro temporaneo, Hani Mulqi, in vista delle elezioni del prossimo ottobre. 

– Brasile: San Paolo ha ospitato il più grande gay pride del mondo. Le celebrazioni continueranno per tutto il mese.  

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus