Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 25 maggio 2016

25 Mag. 2016

Grecia: i ministri delle finanze dell’Unione europea hanno trovato un accordo su nuovi prestiti alla Grecia per un totale di 10,3 miliardi di euro. Due giorni fa il parlamento greco aveva approvato un nuovo pacchetto di riforme fiscali. 

– Siria: un’alleanza di milizie siriane supportate dagli Stati Uniti ha lanciato una nuova offensiva contro il sedicente Stato islamico nei pressi di Raqqa. 

– Francia: decine di poliziotti francesi hanno fatto irruzione nella sede di Google nell’ambito delle indagini sull’evasione fiscale del colosso statunitense. 

– Grecia: prosegue lo sgombero del campo profughi di Idomeni, al confine con la Macedonia, iniziato il 24 maggio. 

– Giappone: il presidente Obama, dopo il viaggio ufficiale in Vietnam, farà tappa in Giappone, dove domani è prevista una visita a Hiroshima. 

– Afghanistan: i taliban afghani hanno nominato un nuovo leader. Si tratta di Mawlawi Haibatullah Akhundzada, vice dell’ex leader Mullah Akhtar Mansour, ucciso la settimana scorsa da un drone lanciato dagli Stati Uniti. 

– Turchia: il presidente turco Erdogan ha ribadito che senza un accordo sulla liberalizzazione dei visti verso i paesi Ue per i cittadini turchi, il piano sui migranti verrà interrotto. 

– Egitto: il volo Egyptair, precipitato nel Mediterraneo la settimana scorsa, non presentava avvisaglie di guasti tecnici prima del suo decollo da Parigi, hanno riferito gli investigatori. 

– Tunisia: nel paese nordafricano si stanno intensificando gli scontri con i miliziani del sedicente stato islamico, in azione soprattutto al confine con la Libia.  

– Brasile: il presidente brasiliano ad interim Michel Temer ha annunciato riforme costituzionali per limitare l’aumento della spesa pubblica, nell’ambito di un programma per frenare il deficit fiscale e recuperare la fiducia degli investitori.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus