Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 23 maggio 2016

23 Mag. 2016

Austria: saranno resi noti questo pomeriggio i risultati elettorali delle presidenziali austriache, quando arriveranno i voti per corrispondenza che decideranno chi tra Norbert Hofer, il candidato dell’estrema destra, e Alexander Van der Bellen, candidato dei verdi, sarà il nuovo presidente della repubblica austriaca. Lo scarto dei voti tra i due è minimo. 

– Turchia: il presidente turco Erdogan ha dato l’incarico a Binali Yıldırım, ex ministro dei trasporti, di formare un nuovo governo. Domenica 22 maggio è stato eletto a capo del Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp) durante il congresso del partito. 

– Yemen: numerose persone sono morte in seguito a un’esplosione nella città portuale di Aden, nel distretto di Khor Maksar. 

– Francia: il regista bitannico Ken Loach è il vincitore della 69esima edizione del festival cinematografico di Cannes. Si è aggiudicato la Palma d’oro per il film I, Daniel Blake.

– Afghanistan: la leadership taliban è impegnata a scegliere chi designare come successore del leader Mullah Akhtar Mansour, ucciso il 21 maggio da un drone statunitense in Pakistan. 

– Grecia: il parlamento ha varato la riforma fiscale, che prevede nuove tasse, tagli alla spesa e nuove norme sulla privatizzazione, come richiesto dai creditori internazionali in cambio di un’ulteriore parte di prestiti. 

– Vietnam: il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha iniziato la sua prima visita ufficiale in Vietnam. 

– Iraq: il primo ministro Haider al-Abadi ha annunciato l’inizio di un’offensiva militare contro il sedicente Stato islamico per la riconquista di Falluja. L’esercito ha invitato i residenti a lasciare l’area prima dell’inizio dei combattimenti. 

– Svizzera: si tiene oggi la 69esima assemblea generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), a Ginevra. 

– Israele: il primo ministro francese Manuel Valls si recherà in visita ufficiale in Israele e nei territori palestinesi. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus