Me
La libreria interattiva pensata per far leggere i bambini (e gli adulti che li accompagnano)
Condividi su:

La libreria interattiva pensata per far leggere i bambini (e gli adulti che li accompagnano)

Rabbit hOle è un luogo speciale, metà libreria metà teatro interattivo, tra laboratorio creativo e parco giochi

23 Mag. 2016

Avete mai sognato quando
eravate piccoli di essere i protagonisti di un libro, di vivere le avventure dei
personaggi all’interno del mondo fantastico creato dal suo autore? L’idea per
avvicinare i bambini alla lettura venuta a un libraio di Kansas City in
sostanza è rendere possibile proprio questo, in un luogo molto particolare
chiamato Rabbit hOle.

I creatori lo definiscono
un ExploraStorium: una libreria interattiva che è anche museo, teatro interattivo,
laboratorio creativo e parco giochi. L’obiettivo è creare un luogo dove i bambini
possano entrare in contatto non solo con la letteratura ma anche con le altre forme
d’arte, imparando e divertendosi.

Ad esempio, alcune
istallazioni all’interno della libreria riproducono gli scenari dei libri per
l’infanzia dove i bambini possono giocare e immedesimarsi nei protagonisti. Un
gruppo di fumettisti, invece, regala ai bambini disegni in cui sono loro i
personaggi principali della storia, ma l’ambientazione è quella del libro.

Una specie di lettura in
3D per incoraggiare i bambini ad avvicinarsi ai libri, certo, ma anche alla
creatività e a relazionarsi con gli altri.

Dietro il progetto ci
sono una serie di scrittori e sceneggiatori famosi, come Brian Selznick,
l’autore del romanzo La straordinaria
invenzione di Hugo Cabret
, che ha ispirato il film da Oscar di Martin
Scorsese, il cui tema è proprio la magia e la creatività dei bambini.

Insomma, una libreria
pensata esclusivamente per i più piccoli. Ma anche una scusa per gli adulti che li
accompagnano per estraniarsi per un po’ dagli impegni quotidiani e tornare a
divertirsi. Perché in realtà spesso sono loro e non i figli che dovrebbero
ricominciare a leggere.

Ecco il video di
presentazione del progetto Rabbit hOle:


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus