Me

Il Canada presenta una legge a favore dei diritti dei transessuali

Il premier Justin Trudeau ha annunciato di voler introdurre nuove leggi per la tutela giuridica delle persone transgender, combattendo così ogni forma di discriminazione

Immagine di copertina

Il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, ha annunciato una maggiore protezione e una tutela più ampia dei diritti delle persone transessuali. Il governo canadese ha di fatto annunciato l’introduzione di una nuova normativa che tuteli dal punto di vista giuridico i diritti dei transessuali, al fine di combattere ogni forma di discriminazione e di violenza nei loro confronti. 

L’annuncio del premier canadese è giunto dopo la cerimonia di consegna del premio Laurent-McCutcheon per il suo impegno contro l’omofobia, organizzata a Montreal il 16 maggio. Il disegno di legge è stato presentato alla camera dei Comuni martedì 17 maggio, ma l’ultima parola spetterà al senato. 

La norma sarà inserita nel cosiddetto Canadian Human Rights Act e mirerà nello specifico a proteggere maggiormente i diritti delle persone transessuali. Il governo liberale presieduto da Trudeau ha precisato che i dettagli sono stati resi pubblici martedì alla camera dei Comuni. 

Nel corso della cerimonia, il premier canadese dopo i ringraziamenti ha voluto sottolineare come il Canada dovrà rappresentare un esempio per il resto del mondo, rigettando ogni atto o discorso transfobico considerati “semplicemente inaccettabili”. Anche a suo padre, l’ex primo ministro Pierre Elliott Trudeau, venne conferito lo stesso riconoscimento nel 2005 per il suo impegno nella decriminalizzazione dell’omosessualità nel 1969. 

Inoltre, Trudeau ha dichiarato di voler marciare al Gay Pride di Toronto in programma per il mese di luglio, diventando così uno dei primi leader mondiali a prendere parte a un evento del genere. 

Il premier canadese ha voluto così tenere fede alla promessa fatta durante la campagna elettorale passata. “Dobbiamo continuare a chiedere una vera uguaglianza”, ha dichiarato Trudeau a Montreal. “Dobbiamo portare avanti l’eredità di coloro che hanno combattuto per la giustizia, e dobbiamo lavorare diligentemente per colmare il divario fra i nostri principi e la realtà”. 

Il disegno di legge presentato alla camera dei Comuni prevede nello specifico il divieto di qualsiasi forma di discriminazione sulla base dell’identità di genere, secondo la legge canadese sui diritti umani, aggiungendolo a un elenco di caratteristiche come la razza, la religione e l’orientamento sessuale. 

I tentativi di sancire i diritti delle persone transessuali a livello federale in Canada risalgono al 2004, mentre una misura analoga era stata proposta alla camera dei Comuni nel 2011, ma non aveva ricevuto l’approvazione definitiva del Senato. 

(Qui sotto il discorso del primo ministro canadese Justin Trudeau nel corso della cerimonia di premiazione Laurent-Mccutcheon)