Me
I vincitori del Festival di Cannes 2016
Condividi su:

I vincitori del Festival di Cannes 2016

I, Daniel Blake di Ken Loach ha vinto la Palma d'Oro. Cose da sapere su questo e altri premi

22 Mag. 2016

Il film del regista britannico Ken Loach, I, Daniel Blake ha vinto la palma d’oro, il premio assegnato al miglior film in competizione al Festival del Cinema di Cannes.

I, Daniel Blake è un film prodotto nel Regno Unito che racconta la storia di Daniel Blake, un falegname di 59 anni di Newcastle. Dopo un attacco cardiaco, deve ricorrere ai sussidi dello stato per la prima volta nella sua vita.

La sua strada si incrocia con quella di una madre single, Katie, e dei suoi due bambini, Dasy e Dylan. L’unico modo che aveva Katie di uscire da un ostello per senzatetto di Londra era quello di accettare un appartamento in una città sconosciuta, a 600 chilometri di distanza. Così Katie incontra Daniel, intrappolato come lei nelle maglie della burocrazia dei sussidi statali.

A Cannes 2016 non c’era nessun film italiano in gara. Qui sotto la lista di tutti i premi e in fondo il trailer del film che ha vinto l’ambita Palma d’Oro, il più prestigioso premio assegnato al Festival di Cannes. Qui tutti i film in concorso quest’anno.

I PREMI  

Palma d’oro – Moi, Daniel Blake (I, Daniel Blake) di Ken Loach — in fondo il trailer del film 

Miglior attore – Shahab Hosseini per Forushande (The Salesman), di Asghar Farhadi

Miglior attrice – Jaclyn Jose per Ma’ Rosa, di Brillante Mendoza

Miglior regia – Olivier Assayas per Personal Shopper e Cristian Mungiu per Baccalaureat (Graduation)

Miglior sceneggiatura – Forushande (The Salesman) di Asghar Farhadi

Miglior cortometraggio – Timecode di Juanjo Gimenez

Miglior opera prima – Divines di Houda Benyamina

Palma d’oro alla carriera – Jean-Pierre Léaud, che ha lavorato con Godard e recitato in Ultimo Tango a Parigi

Premio della giuria – American Honey di Andrea Arnold

Grand prix speciale della giuria – Juste la fin du monde (It’s only the end of the world) di Xavier Dolan

Cartoline da Cannes e Facce da Cannes  

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus