Me
Partorire cinque gemelli
Condividi su:

Partorire cinque gemelli

Il 28 gennaio l’australiana Kim Tucci è diventata mamma di cinque bambini, oltre ai tre che già aveva. Ora sta cercando fondi online per acquistare un'auto più capiente

12 Mag. 2016

Il 18 agosto 2015 l’australiana Kim Tucci, ventiseienne già
madre di tre figli, ha scoperto di essere incinta di cinque gemelli, una
possibilità che statisticamente capita una volta ogni 60 milioni di parti.

La gravidanza è andata a buon fine, e il 28 gennaio Tucci ha
dato alla luce i bambini all’ospedale di Perth: Tiffany, Penelope, Beatrix,
Allie, e Keith, arrivati in buona salute con un cesareo durato appena due
minuti.

La fotografa Erin Elizabeth Hoskins ha seguito la storia di
Kim ancora prima della nascita dei bambini, scattando delle fotografie molto
suggestive della donna su una spiaggia australiana, e si è poi occupata di
documentare il lieto evento realizzando una serie di immagini dei bambini con
la neo-mamma.

Ora che però la famiglia Tucci è composta dai due genitori e
da otto bambini, il bisogno di una macchina speciale si è fatto più forte,
visto che anche una semplice visita dal medico richiede attualmente tre
automobili.

La coppia formata da Kim e suo marito Vaughn possiede una
sola macchina, e il loro desiderio sarebbe acquistare un G10 LDV, l’auto più
economica in Australia con le caratteristiche necessarie per portare tutta la
prole con sé.

La nonna di Kim, Denis, ha lanciato una campagna GoFundMe
per aiutare la famiglia a raccogliere fondi per questo obiettivo, che la
diffusione di queste fotografie vuole incentivare, e chiunque può contribuire
andando sul sito gofundme.com/surprisedbyfive.

Kim ha anche un blog su Facebook, sul quale aggiorna gli utenti sulla
storia della sua gravidanza e sulla sua vita da mamma di cinque gemelli.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus