Me

Roma si tinge con i colori dell’arcobaleno per celebrare le unioni civili

Con un voto storico, l'11 maggio il parlamento italiano ha approvato la legge sulle unioni civili. Per l'occasione alcuni dei monumenti più importanti si sono illuminati

Immagine di copertina

L’11 maggio 2016, dopo oltre 3 anni di iter parlamentare, la Camera dei deputati ha approvato la legge sulle unioni civili, che consente il riconoscimento delle coppie gay in Italia.

E quindi, cosa cambia?

Per esempio, Stefano e Antonio – che convivono da oltre dieci anni, fanno la spesa insieme, mangiano insieme, viaggiano insieme e dormono insieme – fino a ieri non avevano il diritto di essere riconosciuti come una famiglia. Da ora potranno esserlo.

Dei 28 stati membri dell’Ue, solo 12 riconoscono i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Sette invece non hanno ancora alcun tipo di riconoscimento. Fino a poche ora fa, l’Italia era uno di questi. Le infografiche 

Ok, dopo 3 anni di tira e molla, il parlamento italiano ha finalmente approvato la legge sulle unioni civili. Cosa significa esattamente e cosa cambia ora?