Me
Chi è Michel Temer, il presidente ad interim del Brasile?
Condividi su:

Chi è Michel Temer, il presidente ad interim del Brasile?

Il senato ha votato la messa in stato di accusa del presidente Dilma Rousseff, che sarà sospesa. Il vice presidente sarà incaricato di guidare il paese

12 Mag. 2016

Michel Temer, l’uomo che avrà l’incarico di guidare il Brasile durante il periodo di sospensione della presidente Dilma Rousseff, che il senato ha appena messo in stato di accusa, è un veterano della politica noto per il suo atteggiamento discreto e calcolatore, i suoi abiti eleganti e la sua passione per la poesia.

Al contrario di Rousseff, conosciuta per il suo stilo diretto, Temer possiede un tratto raro nel panorama politico brasiliano: la calma, e la pazienza di ascoltare sia gli alleati che gli avversari.

La sfida che lo attende è di quelle difficili: il Brasile si trova nel mezzo della peggior recessione economica dagli anni Trenta e dovrà muoversi in fretta per riguadagnare la fiducia degli investitori. Rousseff e il partito dei Lavoratori (Pt) tacciano Temer di tradimento e dicono che l’impeachment equivale a un colpo di stato.

Presidente e vice presidente sono arrivati alla rottura cinque mesi fa, quando il secondo ha accusato la prima di averlo messo da parte. Temer ha già scelto alcuni dei ministri chiave che sono pezzi grossi nell’arena politica e economica del Brasile, e sicuramente adotterà un approcciò economico più liberista di Rousseff, esponente di sinistra.

Temer ha affinato la propria arte durante gli anni passati nella litigiosa camera bassa parlamentare, dove è stato alleato sia del presidente centrista Fernando Henrique Cardoso che del leader di sinistra Luis Inacio Lula da Silva.

Il settantacinquenne ha la reputazione di uno che sa porsi al di sopra delle mischie. Non alza quasi mai la voce, non ricorre a un linguaggio inappropriato e non gesticola animatamente o in modo teatrale come molti dei suoi colleghi.

“Temer è assertivo, ma non aggressivo. Parla, ma non troppo. È sobrio e misurato. Ha dimostrato di poter negoziare con chiunque, a destra come a sinistra”, ha detto Eliane Cantanhede, analista politica per il giornale Estado de S. Paulo e l’emittente Globo TV.

I suoi sostenitori sono certi che queste sue caratteristiche lo aiuteranno a portare a termine il lavoro.

“Costruisce ponti politici e sarà in grado di guadagnarsi l’appoggio del congresso per portare a casa le riforme necessarie a rivitalizzare la nostra economia e il nostro sistema politico”, ha dichiarato il deputato Darcisio Perondi, membro del partito Movimento democratico brasiliano (Pmdb) di Temer.

Ma tra coloro che desiderano un cambiamento c’è anche qualche dubbio.

Nostante i mercati azionari e la moneta abbiano reagito positivamente all’idea di un governo Temer più favorevole alle imprese, alcuni investitori sono preoccupati per il suo basso profilo.

Temono che non sarà abbastanza assertivo da controllare questo momento di caos politico, e che non sarà in grado di superare la feroce opposizione del Pt, che considera il suo governo illegittimo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus