Me
Liberati tre giornalisti spagnoli rapiti in Siria
Condividi su:

Liberati tre giornalisti spagnoli rapiti in Siria

Erano prigionieri di un gruppo di ribelli dal luglio del 2015, risolutiva la mediazione di Qatar e Turchia

08 Mag. 2016

Tre giornalisti spagnoli rapiti ad Aleppo, in Siria, un anno fa sono stati liberati domenica 8 maggio. A dare la notizia è stato il governo di Madrid, che ha annunciato il loro ritorno a breve nel paese.

I giornalisti sono Antonio Pampliega, Jose Manuel Lopez e Angel Sastre. Nella nota il governo di Madrid spiega che la liberazione è stata possibile grazie alla mediazione di Turchia e Qatar.

Alcune zone di Aleppo sono controllate dai gruppi dei ribelli, incluso l’Isis, ma ancora non è chiaro chi avesse rapito i giornalisti nel luglio del 2015.

La città siriana ha visto nelle ultime settimane un’escalation delle violenze negli scontri tra le fazioni dei ribelli e l’esercito di Assad supportato dall’aviazione russa, causando decine di vittime tra la popolazione civile.

Il presidente della federazione della stampa spagnola ha accolto “con emozione e gioia” la notizia. Nel 2014 altri due giornalisti iberici erano stati rapiti dal sedicente Stato islamico e poi liberati dopo sei mesi di prigionia.

La Siria è una delle nazioni più pericolose al mondo per i giornalisti. Decine di reporter sono stati uccisi dall’inizio della guerra civile. La maggior parte dei sequestri è stata compiuta dall’Isis.

Tra loro i giornalisti freelance americani Steven Sotloff e James Foley, la cui barbara uccisione è stata ripresa in un video diffuso dall’Isis, il giapponese Kenji Goto e decine di reporter e blogger siriani oppositori del sedicente Stato islamico.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus