Me
Banksy in mostra a Roma
Condividi su:

Banksy in mostra a Roma

Si terrà a Palazzo Cipolla, in via del Corso a Roma, dal 24 maggio al 4 settembre 2016 la più grande mostra su Banksy mai realizzata finora

07 Mag. 2016

Si terrà a Roma a partire, dal prossimo 24 maggio, la più grande mostra mai dedicata a Banksy, street-artist britannico del quale, nonostante la fama planetaria, non si conosce ancora l’identità.

L’esposizione, intitolata Guerra, Capitalismo & Libertà sarà ospitata presso Palazzo Cipolla, in Via del Corso a Roma.

Le opere, esposte fino al 4 settembre 2016, sono ben 150 e provengono tutte da collezioni private. Saranno organizzate tematicamente attorno ai tre fili conduttori esplicitati nel titolo della mostra.

L’esibizione non affronterà il tema dell’identità dell’artista, ma si concentrerà sulle sue qualità di comunicatore e sulle peculiarità del suo linguaggio.

Pur essendo un inafferrabile street-artist, Banksy vende a caro prezzo le sue opere con tanto di certificato di autenticità, ma la sua impronta va ben oltre il commercio d’arte e lascia una traccia nelle persone comuni con la diffusione spesso virale dei suoi lavori, sempre attenti alle questioni del momento a alle tematiche sociali.

La sua prima mostra si è svolta nel 2000 a Bristol, poi nel 2003 è stata la volta di Losa Angeles. Banksy è tornato a Bristol nel 2009. A Gaza, l’artista ha realizzato ben nove celebri murales. Poi a New York, nel 2013, ha realizzato un progetto situazionista itinerante. Nel 2015 ha aperto Dismaland, un parco a tema distopico.

Fondazione Roma Museo – Palazzo Cipolla è uno spazio espositivo privato. Dal 1999, anno della sua apertura, ha offerto al pubblico oltre 45 esposizioni temporanee, percorrendo le epoche e gli stili dell’arte italiana, europea e internazionale.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus