Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 2 maggio 2016

02 Mag. 2016

Siria: un drone militare turco partito dal confine meridionale del paese ha colpito e ucciso 34 militanti del sedicente Stato islamico in Siria. 

– Stati Uniti: il candidato repubblicano Donald Trump ha detto che se vincerà le primarie in Indiana previste per il 3 maggio, allora dovrebbe automaticamente ottenere la nomination del partito, visto che il vantaggio su Ted Cruz sarà praticamente incolmabile. 

– Siria: la Russia sta conducendo colloqui per includere Aleppo in una zona di tregua temporanea stabilita dall’esercito siriano. 

– Turchia: il bilancio dell’esplosione di un’autobomba a Gaziantep, in Turchia, è di 2 morti e 22 feriti, secondo quanto hanno riferito le autorità. 

– India: gli Stati Uniti e l’India stanno conducendo operazioni congiunte per tracciare i sottomarini che si trovano nell’Oceano Indiano, mossa che sottolinea la collaborazione dei due paesi nel contrastare l’espansione marittima della Cina. 

– Stati Uniti: a Seattle, durante le manifestazioni del Primo maggio, 5 poliziotti sono rimasti feriti e nove persone sono state arrestate per aver provocato tafferugli e usato bombe molotov. 

– Iran: gli alleati moderati del presidente Hassan Rouhani sono usciti più forti dal secondo turno delle elezioni parlamentari, riuscendo a ottenere in totale una maggioranza del 42 per cento dei seggi. 

– Germania: il partito di estrema destra xenofobo Alternativa per la Germania, il cui congresso era stato in parte sabotato da militanti di sinistra, ha pubblicato un manifesto politico per dire che l’Islam è incompatibile con la costituzione tedesca e in cui si auspica il divieto di minareti e burqa nel paese. 

– Giappone: il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, incontrerà oggi Francois Hollande a Parigi e successivamente Matteo Renzi a Firenze. 

– Cuba: la prima nave da crociera statunitense con 700 passeggeri a bordo arriverà oggi al porto dell’Avana, a Cuba. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus