Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 30 aprile 2016

30 Apr. 2016

Iraq: almeno 17 persone, probabilmente tutti pellegrini sciiti, sono morte nell’esplosione di un’autobomba nel sud est del paese. 

– Siria: dopo la rottura della tregua sono ripresi i combattimenti in varie zone del paese, in particolar modo ad Aleppo. 

– Iran: sono previsti per oggi i risultati del secondo turno delle elezioni parlamentari in Iran. I riformisti della corrente del presidente Rouhani puntano a conquistare la maggioranza dei 68 seggi non assegnati al primo turno, per superare i conservatori. 

– Turchia: aerei governativi hanno bombardato obiettivi del Pkk nel sud-est della Turchia e in Iraq. 

– Stati Uniti: in California si protesta da due giorni contro il candidato repubblicano Donald Trump. Giovani e attivisti sono scesi in strada soprattutto per manifestare il dissenso contro le dichiarazioni di Trump in merito al pericolo dei migranti. 

– Kenia: le autorità di Nairobi hanno confermato la morte di almeno sette persone nel crollo di un palazzo a sei piani a Nairobi a causa delle forti piogge.

– Sudafrica: la Corte suprema del Sudafrica ha dichiarato “irrazionale” la decisione di far cadere 783 accuse di corruzione e frode contro il presidente Jacob Zuma presa nel 2009.  

– Liberia: alcune ricerche hanno dimostrato che il virus dell’Ebola, dopo mesi che la Liberia era stata dichiarata libera dal virus, era dormiente ed è sopravvissuto in una donna. 

– Malesia: almeno 40 persone sono rimaste ferite in un grave incidente tra un bus, due camion e quattro automobili. 

– Sudafrica: 33 leoni confiscati a circhi in Perù e Colombia sono stati trasferiti in Sudafrica. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus